Crea sito
Nov
08
2016

SAI BABA CI PARLA DEL COMPITO DELL’AVATAR E DELLA NOSTRA GRANDE OCCASIONE AD ESSERE SUOI CONTEMPORANEI

baba_smile

Cari amici, oggi voglio riportare alcuni stralci di discorsi di Bhagawan Sathya Sai Baba tratti dal libro: “Sri Sathya Sai Gita – Tutto sulla spiritualità in domande e risposte” (Mother Sai Publications – pagine: 340/344).
Sai Baba ci ha sempre detto: “ Io sono Dio; anche tu sei Dio. La differenza fra me e te, è che Io ne sono completamente consapevole, tu ancora no”.
Come sono importanti gli insegnamenti di Colui che si fa carne di era in era per aiutarci a ritornare alla piena consapevolezza di questa meravigliosa Realta!
Chi non ha avuto la Grazia di poter conoscere personalmente Bhagavan Sathya Sai Baba, sia felice nel sapere che Egli è sceso in tre incarnazioni successive. Era Sai Baba di Shirdi; lasciò il corpo nel 1918 e si reincarnò come Sathya Sai Baba il 23.11.1926. Ora farà la Sua apparizione come Prema Sai Baba, del quale ha già materializzato alcune immagini.
C’è chi dice sia già nato… in ogni caso aspettiamo con gioia la Sua apparizione pubblica, forse quando sarà un ragazzo come ha fatto Sathya Sai Baba. In quel momento dichiarerà e dimostrerà di essere lo Stesso Sai Avatar venuto in questo momento delicato dell’umanità, per traghettarci nell’Era dell’Oro e scongiurare la distruzione termonucleare del Pianeta.
Gloria a Colui che , di era in era, scende fra noi per Infinito Amore!
Vi lascio alle Sue parole.

Qual è l’obiettivo di questo Avatar Sai?
Risposta: In ogni yuga (era) Dio si è incarnato come Avatar per qualche compito particolare. Questa Incarnazione differisce in questo. Essa si è incarnata per affrontare crisi che coinvolgono e scuotono il mondo intero. L’immoralità ha indossato i panni della moralità e alletta l’uomo gettandolo nel pantano del peccato. La Verità è additata come una trappola, la giustizia è ridicolizzata, i santi vengono tormentati come fossero nemici sociali. Questa Incarnazione è quindi scesa per sostenere la Verità e sopprimere la menzogna. (Sathya Sai Speaks Vol.8, pag.175)

Come mai molte persone non riescono a comprendere la realtà degli Avatar?
Risposta: In verità non riuscirete a comprendere l a Mia Realtà né oggi e neanche fra mille anni di severe penitenze o fervida ricerca; neanche se si unisse allo sforzo l’umanità intera.
Fra breve, però, diverrete consapevoli della Beatitudine che il Principio Divino farà discendere, quel Principio Divino che si è incarnato in questo corpo e ha assunto questo sacro Nome. La vostra buona fortuna vi ha munito di questa opportunità, che è superiore a quella avuta dagli anacoreti, dai monaci, dai saggi, dai santi e addirittura da personalità che incarnarono aspetti della Gloria Divina! (SSS Vol. 8, P 99)

Si può comprendere con l’immaginazione la realtà di Bhagawan Sri Sathya Sai Baba?
Risposta: Questa è una forma umana nella quale è manifesta ogni Entità Divina, ogni Principio Divino… in altre parole tutti i nomi e le forme che l’uomo ha attribuito a Dio.
Non lasciatevi fuorviare dal dubbio. Se installerete sull’altare del vostro cuore una solida fede nella mia realtà, potrete conseguirne la visione. Voi però oscillate come il pendolo di un orologio. Così facendo non riuscirete mai a comprendere la Verità e a conseguire la beatitudine.
Siete molto fortunati ad avere la possibilità di sperimentare la beatitudine della visione della Forma che comprende tutte le forme di Dio in questa vita stessa, ora. (SSS Vol. 8, P 99-100)

E’ compito dell’Avatar liberare solo quelle anime che sono pronte per la salvezza?
Risposta: L’aereo deve atterrare in un determinato luogo per permettere a coloro che hanno comprato il biglietto, e che quindi se lo meritano, d’imbarcarsi. Analogamente , il Signore è sceso sulla terra affinché coloro che si sono garantiti il diritto alla liberazione possano essere salvati. Accidentalmente, capita che anche altri conoscano il Signore, la Sua Grazia, i modi per guadagnarla e la gioia della liberazione. (SSS Vol. 3, P 30)

Swami, quale consiglio dai ai devoti che si affollano a Prashanti Nilayam spinti da mille motivi e bisogni diversi, da inclinazioni spirituali o da amore e riverenza per questa Forma Divina?
Risposta: Non indugiate più; afferrate questa opportunità unica mentre ancora potete. Chiedetemi il Sadhana (Disciplina spirituale) che dovete intraprendere per la vostra liberazione e incominciate a praticarlo da oggi stesso. In seguito, potrebbe risultare difficile avvicinarmi e parlarmi. Le persone continueranno a venire da Me a fiumi infiniti e potreste avere il mio Darshan a chilometri di distanza! Questo principio è destinato a crescere come un Vishwa-vriksha, un albero di proporzioni mondiali, che dona riparo a tutti. Esso è sceso in questa forma per questo fine e non conosce incertezze né esitazioni. Il mio nome è Sathya, Verità. In mio insegnamento è Verità. Io sono la Verità. (SSS Vol. 8, P 157)

Come può un devoto beneficiare di questo Yuga Avatar?
Risposta: Sfruttate l’opportunità dell’associazione con me più che potete e sforzatevi il più velocemente possibile e al meglio delle vostre forze di seguire le direttive che vi ho dato. Ubbidire alle mie istruzioni è sufficiente; ciò vi conferirà maggiori vantaggi del più rigoroso ascetismo. Praticate Sathya (Verità), Dharma (rettitudine), Shanti (pace) e Prema (amore), che mi sono care. Decidete di tenere questi ideali sempre di fronte a voi, in tutti i vostri pensieri, parole e azioni. Ciò potrà conferirvi il sommo bene dell’unione con la Sostanza Suprema della Divinità. (SSS Vol. 8, P 101)

Come mai è così difficile comprendere la Realtà Divina presente in questo Principio di Sai?
Risposta: Dal momento che cammino in mezzo a voi, mangio come voi e parlo come voi, siete ottenebrati dalla convinzione che Io sia un comune mortale. State attenti a questo errore. Io contribuisco a confondervi cantando, discorrendo e intrattenendomi in attività con voi, ma in qualunque momento la mia Divinità vi può essere rivelata. Dovete essere pronti e preparati per quella occasione. Poiché la Divinità è rinchiusa in forma Umana, dovete sforzarvi di assoggettare Maya (illusione) che la cela ai vostri occhi. (SSS Vol. 8, P 99)

Come si scorge un barlume della Verità di Sai?
Risposta: Per quel che mi riguarda, alcuni hanno scorto un barlume della Verità mentre altri non sono riusciti a vedere neanche quello. Io, comunque, riverso il mio amore su tutti indistintamente. Io né rivelo, né nego; siete voi che dovete scoprire, decidere e trarre Ananda (beatitudine) indagando nel profondo. Come può una formica calcolare la profondità dell’oceano? Come fa un uomo che è a terra descrivere le sembianze di un pilota di un aereo in volo? Fintanto che non ascendete alle “vette” seguendo determinate discipline, non potrete sperimentare Dio. (SSS Vol. 5, P 238)

Written by amaeguarisci in: Articoli |

Nessun commento

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Theme: TheBuckmaker.com Best WordPress Themes