Crea sito
Sep
29
2017
-

MESSAGGIO: UN GRANDE SAGGIO CHE DECIDE DI IMPERSONARE LA PARTE DI UN POVERO ANALFABETA E CHE POI RISCOPRE LA SUA SAPIENZA, IL PROPRIO VALORE: QUESTO OGNUNO DI VOI È.

images (29)

Carissimi amici, anche oggi condivido con voi il messaggio che ho ricevuto dalla parte più profonda di me.
Vi abbraccio tutti, come sempre!

Miei Cari Figli, ovunque voi siate, in qualunque situazione siate, ringraziate per ciò che state vivendo.
Sapete… il crogiolo serve all’oro per trasformarlo in gioiello. Il Divino in voi decide di farvi sperimentare anche periodi difficili e duri, ma sapete perché? Quando siete giù, andate in riserva energetica. Quando non avete più energia esterna, allora, solo allora, siete capaci di riconnettervi alla Fonte di tutte le energie; allora, solo allora, vi ricordate di un Potere Immenso che avete in voi, vi ricordate che nulla può impedirvi di vivere nella gioia interiore, pur attraversando lande deserte o spinose.

Questo viaggio, che voi chiamate vita, non è uno spostarsi da un luogo ad un altro: è un andare fuori di voi, dimenticarvi di voi, per sperimentare e per poi tornare al ricordo di voi. Un grande saggio che decide di impersonare la parte di un povero analfabeta e che poi riscopre la sua sapienza, il proprio valore: questo ognuno di voi è.

La Coscienza Infinita, per sperimentarsi, si limita in un corpo , in una forma particolare; ma quell’Unica Coscienza, che voi chiamate Dio, è in ogni sasso, in ogni filo d’erba, in ogni montagna, in ogni essere che nuota, striscia, corre. Ecco perché ricordarvi chi siete vi porta all’amore globale, totale, nella consapevolezza che ciò che chiamate “altro” è una parte di voi che si sta esprimendo con un altro corpo.

La fisica quantistica riscopre ciò che ho dettato, nei millenni, ai saggi che si sono succeduti: Tutto è Uno, Tutto è Dio. Quando questa conoscenza diventa consapevolezza di vita, esperienza, rimembranza di voi.. allora potete affermare che vi siete riappropriati della Coscienza Cristica che giaceva in voi, dormiente, nel posto più nascosto e ben custodito.

Amori Miei che leggete, che ascoltate, che sentite queste parole, Io sono lo stesso che vi parla dall’interno. A volte uso strumenti particolari: un libro, un messaggio, una persona che vi porta il messaggio… questo solo perché vi invito a riscoprirmi in voi. Io gioco a nascondino con voi, con la vostra mente; e quando mi riscoprite, allora riscoprite tutta la bellezza del mondo che vi veniva nascosta ed offuscata dalla densità della terza dimensione.
È tempo che ognuno di voi mi riscopra, dal mio nascondiglio profondo in voi! Sono qui, a farmi sentire, perché mi riscopriate.

Avete paura di non essere amati, la vostra mente teme questo; ma l’amore è ciò che emana da voi, dalla mia essenza in voi. Io do amore a tutte le mie rappresentazioni, a tutte le mie forme e parti nascoste all’occhio umano, infinitamente piccole o infinitamente grandi.

Riempitevi del vostro stesso amore, che è il mio amore, e non avrete carenza, non sarete costretti ad elemosinarlo!
Una volta che, nelle vostre difficoltà, scoprite che tutta la potenza è in voi, tutto l’amore è in voi, non avrete bisogno di elemosinare nulla da nessuno, sarete solo, consapevolmente, fontane scintillanti di Luce e Puro Amore.
Manifestate ciò che siete: Emanatori Costanti di Pura Luce, di Puro Amore!

Written by amaeguarisci in: Messaggi ricevuti |
Sep
26
2017
1

MESSAGGIO: QUALUNQUE COSA FACCIATE, FATELA CON LA CONSAPEVOLEZZA CHE DIO AGISCE ATTRAVERSO IL VOSTRO CORPO E LA VOSTRA MENTE, ALLORA TUTTO QUELLO CHE FARETE SARÀ DIVINO.

images (24)
Buongiorno cari amici, questo il messaggio di oggi.
Siete sempre nel mio abbraccio!

Miei Adorati Figli, Essenza della mia Essenza, avete studiato, avete fatto tante cose per giungere al livello lavorativo e sociale che avete, ma cosa avete fatto per risvegliare in voi la Potenza Divina? Cosa avete fatto per coltivare la vostra Vera Natura, per riconoscerla e manifestarla?
Nella vostra società si dà troppa importanza alla mente ed al corpo, e troppo poca allo Spirito, alla Divinità che nuove i corpi e le menti.

La Causa Prima di tutto viene spesso dimenticata, come se non contasse. Provate a guardare un film al cinema senza lo schermo… vedete qualcosa?
IO SONO lo schermo, il substrato dove tutto si manifesta, vive e si muove; e voi troppo spesso vi dimenticate di me, così ottenebrati dal luccichio della materia, ottenebrati dalla mancanza di relax, tempo e calma.

State il più possibile da soli con voi stessi, appena potete! State nel silenzio, allora vedrete fluire ed emergere le mie parole. Siete voi che state parlando a voi stessi. Io sono il vostro Immortale ed Eterno Sé Divino. Quando sentite le mie parole, state sentendo le vostre vere e profonde parole.

Ognuno di voi ha dentro tutta l’onniscienza del mondo. Ognuno di voi ha il disegno del tutto in ogni cellula, in ogni atomo. Vi dichiarate semplici agglomerati di cellule, ma siete molto, molto di più di questo corpo effimero, destinato a cambiare ed estinguersi.

Siete immortali ed eterni, e troppo spesso lo dimenticate.
Vivete sempre nel ricordo di voi, della vostra vera natura! Allora tutte le vicissitudini della vita verranno sdrammatizzate. Date la priorità alla Verità, al Dio che siete e che tutto è! Non potete studiare gli effetti, concentrarvi solo sugli effetti, tralasciando la Causa di tutto che IO SONO.

Qualunque cosa facciate, fatela con la consapevolezza che Dio agisce attraverso il vostro corpo e la vostra mente; allora tutto quello che farete sarà divino. Con questo atteggiamento, non vi sarà alcun karma che vi legherà, sarete liberi dalle aspettative dei frutti dell’azione.

Sono proprio le aspettative, i sentimenti accesi a creare e ricreare le situazioni. Ogni azione corrisponde ad una reazione: tutto ciò che pensate, dite e fate ritorna a voi. Ma quando tutto ciò che fate , lo fate con la consapevolezza che è il Dio in voi che agisce, allora non siete vincolati a riscuotere “crediti”, o a pagare “debiti” perché non avete sentimenti di aspettativa o rivincita, non avete più sentimenti negativi, non accendete più nessun “fuoco emotivo”, non avete alcun legame che debba poi essere sciolto.

Siate presenti nel momento presente! Tutto il tempo è in questo attimo presente. Il passato è qui ora, il futuro è qui ora. E’ stato il vostro passato a determinare gli avvenimenti del presente, e sarà questo presente a determinare la qualità del vostro futuro.
Ma voi potete sfuggire a questo gioco della terza dimensione, che vi fa nascere e rinascere sempre per quei legami che create inconsapevolmente. Fate tutto col massimo amore! Che ci sia armonia fra ciò che dite, pensate e fate! Siate gioiosamente presenti in ogni momento, con attenzione all’attimo presente! Godete di ogni istante, dando il meglio di voi!

I momenti di vuoto mentale e relax sono i momenti di ricarica energetica: non fateveli mancare, se non volete andare in riserva energetica!

Se ricordate sempre a voi stessi che siete Dio, che tutto è Dio, penserete, parlerete e farete tutto da Dio!
Non sminuitevi; non pensatevi inetti ed incapaci, indegni e peccatori! Il passato è andato, ciò che conta è solo l’adesso.

Vivete questo adesso con tutto l’amore che potete, verso voi stessi e tutto il Creato! Così rivivrete in quel Paradiso Terrestre che ognuno può ricostruire dentro e fuori di sé.
Che il sorriso e la felicità siano sempre il vostro normale e Divino Stato!

Written by amaeguarisci in: Messaggi ricevuti |
Sep
21
2017
-

MESSAGGIO: POTETE VIVERE IN PARADISO, NEL VOSTRO PARADISO, PUR ESSENDO IMMERSI IN UN INFERNO CREATO DALLA MASSA DEI PENSIERI DELLA GENTE. PIÙ PERSONE VIVRANNO FIDUCIOSE NEL PROPRIO PARADISO INTERIORE E PIÙ QUESTO SI MANIFESTERÀ ANCHE ALL’ESTERNO.

primavera_r400
Questo è il messaggio che ho ricevuto oggi e condivido con voi.
Siete, come sempre, nel mio anbbraccio!

Miei Adorati Figli, in questa vostra società avete dato troppa importanza alla mente razionale a scapito di quella intuitiva. Credete che le grandi invenzioni e le grandi scoperte siano avvenute con la mente ordinaria? Non è così. Quando c’è il vuoto mentale, quando c’è calma e pace nella mente vedete affiorare in voi conoscenze antiche che giacciono nel vostro inconscio, ben custodite, come diamanti dentro uno scrigno.

La conoscenza vi appartiene perché siete parte del Tutto; ed il Tutto si rispecchia in ogni sua parte. Come un ologramma, l’intero disegno del Tutto è in ogni sua più minuscola particella.
Voi siete la Coscienza Suprema che ha deciso di dimenticarsi di se stessa… un gioco…ma solo per poi riscoprire che siete tutti me, quell’IO SONO che vi parla dall’interno, che vi fa muovere, ridere, lavorare, giocare, scherzare.

Avete deciso voi le regole, avete deciso cosa rappresentare, quale parte di voi manifestare in questa vostra esistenza. Ogni vita decidete un copione diverso e cercate di attenervi a ciò che scegliete di manifestare. Quando andate fuori strada, un evento ( una malattia, un pasticcio, un imbroglio, un ostacolo) vi costringe a ricordare che la parte che volevate esprimere e sperimentare era un’altra.
Tutto serve per ricordarvi di voi e del vostro piano. Quando seguite l’Interno Profondo di voi, allora vi sentite felici e soddisfatti; quando andate fuori strada il malessere vi coglie; questo è lo squillo di tromba che serve per farvi risvegliare e ricordare.

Amori Miei, avete paura di non essere abbastanza amati, rispettati. Avete paura di non valere, di essere lasciati, abbandonati.. ma sappiate che Io, che vi conosco da sempre, vi amo immensamente. Potete parlare con me, chiedermi di farvi sentire più forte la mia voce in voi. È il desiderio struggente di contatto che riallaccia il contatto. È la voglia, il proposito di seguire, ora, la voce del Comandante, la vostra vera voce, a permettervi di sentirla. Molti di voi hanno chiesto questo, e questo ora hanno ottenuto. Non c’entra essere più bravi o più meritevoli: semplicemente avete scelto di sperimentare questo, avete scelto questa priorità , fra tante altre.

Ma ognuno di voi può avere chiarezza dell’udirmi. Ognuno di voi ha le capacità sensitive per andare oltre la natura fisica, per toccare il “Cielo profondo” in voi.
Il Cielo, ciò che pensate sia la dimora di Dio, è in voi, in ogni vostra cellula. Io non sono distante e distaccato. Può un elettrodomestico funzionare se è staccato dalla corrente elettrica? Io sono quella corrente elettrica, quell’energia, quella coscienza che muove ogni vostro singolo corpo, quindi: mai sono stato lontano e separato da voi.

Non c’è bisogno che supplichiate di avermi, di avere lo Spirito Santo in voi: siete voi lo Spirito Santo che agisce attraverso ogni corpo! Siete voi, ognuno di voi, il Dio che tutto muove e fa.

Allora, Miei Adorati, quando volete una risposta, quando volete organizzare, programmare… fatelo dopo aver quietato la mente. Mettete “a nanna” la mente ordinaria e spalancate le porte della mente intuitiva! Attingete al pozzo di sapienza in voi e non farete passi falsi! In ogni caso nessun passo è falso; tutto è esperienza, tutto è vita in azione, in movimento. Piuttosto di stare immobili tanto tempo, impietriti dalla paura di sbagliare, meglio muovervi verso una qualche direzione, perché solo sperimentando potete far emergere da voi chi volete essere.

Abbiate cura ed amore per ogni mia creatura. Ogni creatura è una vostra creatura. Ricordatelo: siete tutti figli, ma anche tutti padri e madri di questo mondo che, tutti insieme, avete creato e plasmato.
Vivete con leggerezza, semplicità, sdrammatizzando e soffermandovi sulla bellezza che sempre è intorno a voi! Agite per difendere il Dharma (rettitudine, legge divina) quando ciò dalla coscienza è richiesto, ma siate sempre nell’amore e nell’accettazione del mondo. Prima di poter cambiare qualcosa, occorre accettare ed accogliere, per poi trasformare tutto con l’amore.

Chi si ribella con odio a qualcosa, non fa altro che darle forza. Allora, agite dentro le situazioni con la vostra forza positiva e creativa, aspettandovi solo gioia e benessere per tutti!

Potete vivere in paradiso, nel vostro paradiso, pur essendo immersi in un inferno creato dalla massa dei pensieri della gente. Più persone vivranno fiduciose nel proprio paradiso interiore e più questo si manifesterà anche all’esterno. “Come in cielo, così in terra”: come nel vostro cielo interiore, così si manifesta nella materia.

Vivete nell’entusiasmo, nell’unione con il vostro profondo Regale Sé Divino che IO SONO, e nulla vi impedirà di dimorare in quel paradiso che si chiama gioia!
Vivete come i bimbi: concentrati nel momento presente! Così resterete il più possibile nella vostra vera Casa Interiore, le cui fondamenta, le cui pareti ed il cui tetto sono formati solo di gioia ed amore.

Written by amaeguarisci in: Messaggi ricevuti |
Sep
18
2017
-

MESSAGGIO: SIATE SICURI CHE PRESTO QUESTO PIANETA SARÀ RINNOVATO, RIPULITO, RISISTEMATO. SARÀ UNA NUOVA CASA, RISTRUTTURATA E PRONTA AD ACCOGLIERE LA NUOVA UMANITÀ.

images (79)
Carissimi amici, anche il messaggio che ho ricevuto oggi ci porta rassicurazioni e gioia.
Siete sempre nel mio abbraccio!

Miei Cari, il mondo duale non vi appartiene, pur essendoci immersi; come non vi appartiene un sogno, quando vi risvegliate.

State sognando tante vicissitudini, ma un giorno vedrete, da un altro stato di coscienza, questo vostro sogno e sdrammatizzerete, riderete di voi, vi compiacerete di come siete riusciti a portare avanti la rappresentazione teatrale che avete inscenato.

Siete destinati a gioie molto più grandi di quelle che vivete, a sprazzi, qui, ora. Siete destinati a tornare ad una condizione di continuo benessere, dove non esistono preoccupazioni. In altre dimensioni, in altri stati di coscienza, c’è l’eterno presente e il futuro non spaventa semplicemente perché non esiste.
Sapete…ora vi sembra fantascienza tutto ciò, ma è quello che ognuno di voi tornerà a sperimentare.

Miei Cari Figli, siete abbastanza svegli, ora, da ricordarvi Chi Siete.
Non abbiate paura di vivere questi momenti storici nefasti e duri, qui sul Pianeta Terra! Il mondo che voi conoscete sta per essere stravolto, rinnovato, migliorato. Il paradigma che avete vissuto finora, gli schemi sociali che vivete ora, non funzionano, non sono più adatti alla vostra coscienza risvegliata.

Un nuovo sole ed una nuova terra sono pronti per voi; ma voi fate ciò che il cuore vi suggerisce, andando oltre le paure ed i limiti imposti dalla paura stessa!

Siete davvero infinitamente capaci di modificare ogni cosa, se solo ci credete, se solo cambiasse il vostro pensiero inconscio di limitazione, blocco, incapacità.

Mi manifesto, di era in era, in un corpo umano sempre per ricordarvi Chi Siete, affinché quei limiti mentali, che vi tengono prigionieri e che creano condizioni sfavorevoli alla vita, se ne vadano.

Abbiate il coraggio di riconoscere il potere in voi! Abbiate il coraggio di ripetervi che siete il Dio dell’Universo che ha voluto sperimentarsi in ognuno di voi! Abbiate il coraggio di scavalcare quei muri alti impostivi dalle religioni, dalla classe politica, dai sistemi di contenimento dei governi non evoluti!

Siete rimasti, per tante cose, al medioevo, e vi vantate di essere moderni. In verità, ancora la vostra maestria deve essere rodata, sperimentata, manifestata.

Carissimi, se ci credete, più nulla potrà schiacciarvi e limitarvi. Abbiate di voi tutta la stima che vi spetta! Abbiate di ognuno tutta la stima ed il rispetto che ad ognuno spettano per diritto di nascita!

Siate così ampliati nel vostro concetto di umanità, da abbracciarla tutta, in un istante! Avete braccia lunghissime e cuori infiniti per poter abbracciare e contenere tutta la creazione in voi.

Quell’Amore che scavalca ogni muro, toglie ogni freno ed ogni limite, è il vostro Vero Autentico Tesoro.
L’Amore è il contrario della paura, è espansione, è potenza, è risoluzione dei problemi. L’amore è la carica che vi occorre quando vi sentite giù. Siete voi che generate l’energia di cui avete bisogno; non occorre cercarla all’esterno.

Siate liberi dalla paura! Il mondo sta passando quel che doveva passare: è in atto la legge del karma, la legge dell’eco e della risonanza. Ma ora milioni di persone si sono risvegliate o si stanno risvegliando. Siate sicuri che, presto, questo pianeta sarà rinnovato, ripulito, risistemato. Sarà una nuova casa, ristrutturata e pronta ad accogliere la nuova umanità: quella libera dalla schiavitù di pensiero e di stile di vita imposto.
Pensate, agite, fate, ringraziate! Tutto per onorare e celebrare il nuovo mondo che state creando sulle ceneri, ormai, di quello vecchio, obsoleto e stantio.

Non dovete fare altro che espandere il cuore e superere ogni paura col vostro impetuoso e potente Divino Amore!

Written by amaeguarisci in: Messaggi ricevuti |
Sep
13
2017
1

MESSAGGIO: IO, CHE SONO LA VITA, VI DO CIÒ CHE CHIEDETE… E CIÒ CHE CHIEDETE NON È QUELLO CHE DESIDERATE, MA CIÒ CHE PENSATE, DITE E FATE. QUESTO È IL VOSTRO ORDINE ALL’UNIVERSO, QUESTO È CIÒ CHE RICEVETE

persone-felici
Buongiorno cari amici!
Il messaggio che ho ricevuto oggi dal Divino Sè riguarda la potenza della nostra mente, che crea la realtà.
Lo condivido con voi, abbracciandovi tutti!

Miei Adorati, il mondo è creato dalla mente, dalla mente di Dio in ognuno di voi.
Ancora la maggior parte della gente non ha compreso di come stia creando la propria realtà con i pensieri ed i sentimenti.
Avete un’arma potente, avete uno strumento meraviglioso, ma che è una lama a doppio taglio: la mente.
Pensieri buoni e gioiosi vi procurano una realtà buona e gioiosa; pensieri di vittimismo, di stanchezza, di rabbia, di critica, di tristezza, di disperazione, attirano a voi eventi che non fanno altro che rinforzare questi pensieri e sentimenti che voi avete lanciato nell’etere.

Non è dalla materia che il pensiero nasce, ma il pensiero fa nascere la materia.
Quando ero nel corpo di Gesù, Krisna o Sai Baba, ho dimostrato ad ognuno di voi come un pensiero, una volontà sicura e potente possa creare istantaneamente un oggetto fisico, una realtà che riguarda anche l’aspetto fisico, come guarigioni o resurrezioni di cadavere. Avete avuto modo di vedere come l’energia potente ed unidirezionale possa creare in un istante tutto ciò che si vuole.
Ma voi avete pensato che questi che chiamate miracoli, ma che rientrano nelle leggi dell’Universo, siano solo di pertinenza delle Incarnazioni Divine. Quante volte vi ho ricordato che tutte le incarnazioni sono divine?! Quante volte vi ho ricordato che non c’è alcuna differenza e distinzione fra Me ed ognuno di voi?! Io sono quell’Oceano che si è diviso in innumerevoli gocce, in innumerevoli forme distinte, proprio per vivere, sperimentare, essere, amare, fare, dare e ricevere.

Miei Adorati, tutto questo per ricordarvi di tenere a bada la vostra mente; non fate che vaga sempre su cose spiacevoli, non fate come le mosche che si posano sia sui fiori sia sull’immondizia! State attenti a non trattenere pensieri e sentimenti antivitali! Lasciate andare quelli che non vi portano nulla di buono…e quali sono? Sono i sentimenti ed i pensieri di vittimismo, di critica continua, di giudizio continuo, di rabbia, di lamentela, di non accettazione della realtà.

Avete modo di sperimentare le vostre creazioni; non prendetevela se non soddisfano le vostre aspettative! Io, che sono la vita, vi do ciò che chiedete… e ciò che chiedete non è quello che desiderate, ma ciò che pensate, dite e fate; questo è il vostro ordine all’Universo, questo è ciò che ricevete!
Ricevete ciò che siete; ricevete ciò che sentite vero, nel vostro cuore; ciò in cui credete; ricevete ciò che temete, ciò a cui sempre pensate.

Allora, Adorate Parti di Me, lasciate scorrere l’Amore in voi, lasciate uscire quest’Amore Divino da ogni poro! Inondate, spruzzate tutto con queste potenti gocce di Puro Amore, e vedrete ripulire tutto il “quadro”! Vedrete bellezza e purezza dove prima vedevate solo rifiuti e bruttezza; vedrete armonia e sincerità, dove prima vedevate solo bugie e caos; vedrete la perfezione delle leggi dell’Universo, perfette nel darvi ciò che spargete nell’etere.

Volete amore ed attenzione? Siate amore ed attenzione! Volete accoglienza e gioia? Siate accoglienza e gioia! Volete benessere? Siate benessere, aiuto e cooperazione per gli altri.
Siate ciò che volete essere ed avere!

Voi avete in mano il “pongo”; lo manipolate e ne fate uscire o una bella statuina, o un oggetto brutto ed informe… ma poi date la colpa a tutti tranne che a voi stessi. Voi plasmate la materia con i vostri pensieri uniti ai sentimenti… e con chi prendervela se poi la statuina non vi piace?
Cambiate le regole del gioco che vi siete dati! Cambiate le vostre abitudini mentali! Inutile continuare a soffermarvi su ciò che non vi piace degli altri, criticando, sparlando ed offendendo….riceverete altrettanto, se non di più, in questo gioco perverso.

Azzerate, Miei Adorati, le vostre abitudini deleterie! Decidetevi a voler costruire tanta bellezza con la bellezza che tutti avete dentro, ma che tenete nascosta ai più. Lanciate nel mondo i gioielli , i petali di rosa, tutto ciò che di più bello avete! Siete voi tutta questa Meraviglia, e non permettete più a pensieri indegni della vostra Meraviglia e Bontà, di sporcare il riflesso di voi che vedete allo specchio! Se vi vedete brutti e sporchi, agirete con brutalità e sporcherete l’etere con pensieri e parole non degne della vostra Maestà.

Allora, questo è il ricordo che dovete sempre avere di Voi…dimostrate ciò che in verità siete e dovete ricordare sempre di essere: Incarnazioni del Divino Amore. Per fare ciò, iniziate a dirigere la vostra mente sul pensiero costante di Dio; vedetelo in voi, in tutti; assaggiatelo, respiratelo, ammiratelo ovunque si posi lo sguardo; amatelo in ognuno ed in ogni cosa, allora i pensieri ed i sentimenti negativi se ne andranno, come se ne va il fango da un secchio nel quale scorre di continuo acqua pura.
Ecco: siete voi quell’acqua pura; e non permettete più al contenitore della mente di trattenere e raccattare in giro solo fango… tenetela pulita questa vostra mente, pensando sempre al Divino che siete e che tutto è!

Innalzatevi alle vostre vette Divine: siete aquile meravigliose, non destinate alle paludi ed al fango.
Siete Puro Amore, dimostrate Puro Amore!

Written by amaeguarisci in: Messaggi ricevuti |
Sep
06
2017
-

MESSAGGIO: DOVE C’È LA VERITÀ C’È SOLO BENESSERE PER TUTTI, C’È SOLO AMORE. LA MANCANZA DI BENESSERE DERIVA SEMPRE DA VERITÀ CHE VI SONO TENUTE NASCOSTE.

il-mare-nei-sogni
Carissimi, anche il messaggio che ho ricevuto oggi ci riconduce alla nostra Vera Natura.
Vi abbraccio tutti!

Miei Adorati Figli, vi parlo sempre dall’interno di voi. Sono la vostra Coscienza, il Vostro vero IO, Quello che vi fa muovere, parlare, agire…IO SONO l’Unico, l’Immutabile e l’Eterno.

Tutto ciò che ha forma è destinato a scomparire. L’onda del pensiero crea, fino a formare, a solidificare quell’Energia che pare inerte… ma nulla è inerte, tutto è vivo e cosciente.
IO SONO Quel Tutto, Quel Mare Calmo dal quale poi si alzano le onde, prendendo forme diverse, ed al quale, poi, tutte le onde ritorneranno.

Sappiate sempre ascoltare la Mia voce che vi guida; è un’intuizione, è un brivido, è un senso di sicurezza che vi fa dire : “Giusto! E’ così!”… che sperimentate quando siete connessi con Me, con la parte più profonda di voi, con Quel “Mare Calmo” in voi, che IO SONO.

Lasciate che la vita si manifesti in voi; amatela questa vita! Amate voi stessi perché non potete amare il Mare se non amate ogni singola goccia! Amate ogni goccia, perché scoprirete presto che vi appartiene, come voi appartenete a tutte le altre.
Non è retorica; non sono, questi, giri di parole; è scienza che ora state cercando di scoprire.

La scienza che più si avvicina a scoprire la Verità su di voi è la fisica quantistica. Molte scoperte vengono tenute nascoste alla massa della gente; questo perché la Verità sconvolgerebbe ogni vostro equilibrio sociale, che ancora si base sulla falsità .
Dove c’è la Verità c’è solo benessere per tutti, c’è solo Amore.
La mancanza di benessere deriva sempre da verità che vi sono tenute nascoste. Coloro che vi nascondono la verità sono occupati a tenervi occupati, affinché non abbiate abbastanza tempo ed energie per riscoprire il vostro Potere; e questo per essere da loro ancora manipolati, usati, condizionati.

Sapete, Parti Preziose di Me, potete essere al di sopra di qualunque piano di controllo nel momento in cui vi tuffate nella Profondità di voi, dove tutta la verità giace da sempre. Potete essere “aquile” che si librano libere, pur vivendo nel “pollaio terrestre”. Potete essere come tutte le Mie Manifestazioni Avatariche; come ho dimostrato che si può essere nei diversi corpi che voi avete dichiarato “Divini”.

Io rappresento il vostro passato remoto, ed il vostro futuro. IO SONO quel Mare da cui tu, onda, ti sei distaccata. IO SONO sempre quel Mare in cui tu, onda, ti stai rituffando. Sono l’Alfa e l’Omega.
In realtà sempre voi, Onde Mie, siete state il Mare; ma l’oblio faceva parte della reincarnazione sul Pianeta Terra. Avete dimenticato, ma ora riscoprite, momento dopo momento, che in realtà siete sempre e solo stati il Mare della Consapevolezza che tutto può, che tutto crea e trasforma.. tutto distrugge e riforma.

Ricordando tutto ciò, più nulla vi può angustiare. Potete sempre rifugiarvi nel vostro Luogo Sacro, immergendovi di nuovo nella Pura Consapevolezza di Essere Quello che non si può definire con mente umana.

Vivete , Miei Cari, momento per momento, assaporando tutte le esperienze! Questa è la vita: un susseguirsi di esperienze. Vivetela con semplicità , ma vedendo la Maestosità della Divinità in ogni cosa, anche in quella che appare la più semplice e scontata! Vedete il Divino che voi siete ovunque; e così vivrete davvero sopra le “nuvole nere”, al di là di ciò che vi possa destabilizzare.

Gioite di ogni attimo: tutto è sacro e prezioso! Vivete leggeri, senza pesi; vivete alla vostra Altezza Divina!

Written by amaeguarisci in: Messaggi ricevuti |
Sep
01
2017
-

SAI BABA ERA STATO PROFETIZZATO

received_m_mid_1395136950066_f3b94bab07367ab605_0
Carissimi amici, pubblico nuovamente questo mio articolo che raggruppa diverse profezie che erano state fatte sull’Avvento di Sai Baba, e che coincidono perfettamente su ciò che é stata la Sua Meravigliosa Persona.
Siete sempre nel mio abbraccio!

Per proteggere i virtuosi,
e per ristabilire su ferme basi la morale e la virtù,
Io mi incarno di era in era.
I santi e i saggi hanno atteso con impazienza l’arrivo del Signore:
hanno pregato con fervore ed Io sono venuto.
Durante il regno di questo Avatar , i malvagi non saranno distrutti:
essi saranno corretti, riformati, educati
e riportati al sentiero da cui si sono allontanati.
Bhagawan Sri Sathya Sai Baba

Tutte le incarnazioni Divine della Storia sono state precedute da diverse profezie.
Gesù era atteso, eppure i sacerdoti ed i politici del Suo tempo non Lo riconobbero e Lo crocifissero. Solo i puri di cuore e coloro che Gesù stesso chiamò a Sé riconobbero in Lui il Messia profetizzato.

Affinché gli uomini di oggi avessero l’opportunità di riconoscere l’Incarnazione Divina della nostra era, i profeti di migliaia di anni fa e di diverse religioni parlarono dell’Avvento di Bhagawan Sri Sathya Sai Baba .
Le profezie riguardano, in realtà, tutte e tre le incarnazioni di Sai Baba: alcune parlano di Sai Baba di Shirdi, morto nel 1918, molte parlano di Sathya Sai Baba che ha lasciato il corpo mortale il 24.4.2011, altre riguardano Prema Sai Baba.

Le profezie più antiche che annunciano la discesa del Maestro del Mondo, risalgono al Vishnu Purana, il commento più antico alle sacre scritture indiane: i Veda. I Purana sono antichissimi, risalgono ai tempi in cui i maestri trasferivano le informazioni direttamente ai discepoli che dovevano imparare a memoria l’umana sapienza.
Nel Vishnu Purana si parla del periodo storico che abbiamo appena vissuto nel secolo scorso e annuncia che proprio in quel periodo il Condottiero Immortale, il Cristo Cosmico, nascerà nell’India del Sud, in una località che si chiamerà “Villaggio dei Coni”, presso una famiglia che avrà scelto come forma divina da onorare proprio Vishnu, la seconda Persona della Trinità indiana che corrisponde al Figlio Unigenito della Trinità cristiana. Dice inoltre che vivrà fino a 96 anni (questo secondo il calendario vedico lunare).
Sathya Sai Baba è nato nell’Andra Pradesh, nell’India del Sud, a Puttaparthi che letteralmente significa: “Villaggio dei coni” , perché un tempo era invaso dai termitai che sono a forma di cono.
La Sua famiglia onorava Vishnu.
Ha lasciato il corpo fisico a 96 anni, sempre secondo il calendario vedico lunare (secondo il calendario romano aveva 85 anni).

Nel libro Jaimini Mahabharat, scritto cinquemila anni fa da Jaimini, il discepolo del saggio Vyasa, parla specificatamente della venuta dell’Avatar Sai.
Esso dichiara che l’Avatar avrà il nome di Sathya Narayena (il Verace il Fedele) e descrive esattamente il Suo lignaggio (la stirpe della sua famiglia). Qui il Sai Avatar viene descritto come l’Incarnazione del Signore Shiva (terza persona della Trinità indù), e dichiara che Egli proclamerà l’arrivo del Sathya Yuga (l’Era della Verità).
Il libro descrive molti miracoli che sono poi stati fatti da Sai Baba molti secoli dopo.
(“Jaimini Mahabharat” – citato da Kristine Gale- Kumar: “The Scriptures are Fulfilled”, p.184- 1991)

I grandi Naadi Granthas dell’India, compilati dai saggi Shuka , Bhrigu e Agasthya, sono delle analisi astrologiche scritte più di 3600 anni fa. Questi testi ci forniscono addirittura l’albero genealogico della famiglia presso la quale si incarnerà il Verbo e descrivono, in numerose pagine, le diverse fasi della Sua missione. Tutto coincide con la famiglia di Sai Baba e con le tappe della Sua vita, nei minimi particolari!
Ecco alcune parole dello Shuka nadi: “La Sua missione è quella di risvegliare la rettitudine. Il villaggio in cui comparirà nella Sua veste terrena diventerà luogo sacro.
Potrà assumere qualunque forma, potrà eliminare qualsiasi pericolo e qualsiasi ostacolo.
Creerà istituti di educazione e dimostrerà la Sua onniscienza in mille modi.
Se il devoto si arrenderà al Maestro avrà l’opportunità di riscattare i suoi peccati e ottenere la liberazione.
Egli sarà la Personificazione dell’Amore e della Beatitudine, ma soltanto le menti illuminate potranno capirne l’Essenza.
Il Suo Cuore sarà perennemente pieno di compassione. Non ferirà mai nessuno, né mostrerà disappunto per gli errori commessi per ignoranza.
Ogni Suo gesto ed ogni Sua parola avranno un significato. I devoti che seguiranno la retta via, avranno la Sua totale protezione.
Insegnerà che questa nostra realtà è illusoria. Le cose terrene perderanno significato e il devoto scoprirà che soltanto la conoscenza di se stesso potrà portarlo alla liberazione finale” (Tratto da: “Ti racconto una storia” film realizzato da Luigi Ferrante).

I Naadi Granthas dichiarano, inoltre, che Sri Sathya Sai Baba è un Avatar di Brahma, Vishnu e Shiva (la Trinità indù). Egli sarà Satchidananda Swarupa, ossia l’Incarnazione dell’Essere, Coscienza e Beatitudine (Dio). Egli farà illimitati miracoli. Fonderà molte istituzioni (Sai Baba Ha fondato numerose scuole, università ed ospedali, nonché numerose istituzioni a favore degli orfani, delle vedove e dei più poveri e bisognosi) ed introdurrà l’era della Verità. Egli unirà tutta l’umanità e stabilirà, sulla Terra la paternità di Dio e la fratellanza dell’uomo. Egli sarà l’Avatar fra gli Avatar.
I Naadi Granthas parlano di Sri Sathya Sai Baba come reincarnazione di Shirdi Sai Baba.
Anche le Upanishad, antichissimi testi vedici, parlano della triplice venuta dei Sai Avatar, che tutti e tre insieme copriranno un arco di tempo di circa 300 anni.

Maometto aveva fatto una stupenda descrizione del Maestro del Mondo, “El Madhi Maoud”, che sarebbe giunto alla fine del XIV secolo dell’Hegira, praticamente verso il 2000. Che cosa annuncia Maometto? Nel “Libro della Luce” il Profeta riferisce che soltanto coloro che avranno capito cosa sia il Sé Interiore, riconosceranno in Lui il Grande Condottiero Immortale che egli chiama con nomi diversi: Maestro del tempo, Reggente Divino, Padre dei ricercatori di Dio. Per molto tempo i mussulmani ignoreranno del tutto il Maestro perché non saranno spiritualmente preparati a riceverlo.

Maometto fornisce alcuni dati che sono molto preziosi per il ricercatore. Egli annuncia che il Grande Maestro non vivrà alla Mecca, ma il suo regno inizierà da Oriente.
Il Suo Emblema farà il giro del mondo e sarà accompagnato non soltanto dagli uomini, ma anche dagli angeli che discenderanno con Lui per aiutarlo a trasformare il mondo intero ( il SarvaDharma, il simbolo di Sai Baba che unisce i simboli delle maggiori religioni del Pianeta, è in ogni centro Sai Baba del mondo, in ogni nazione, in quasi tutte le città del mondo).
Nessun profeta potrà mai avere i poteri con cui discenderà il Maestro del Mondo. Nessun potere del mondo potrà conquistarlo, nessuna potenza potrà ucciderlo.
La Sua sapienza supererà quella di tutti i profeti. Non verrà per fondare una nuova religione, ma tutte le religioni del mondo saranno nel Suo cuore e germoglieranno come fiori in un giardino.
Sarà amico e guida e porterà la pace sul Pianeta insegnando a tutti la retta via.
Sarà paterno e pieno d’amore con tutti come se li conoscesse da sempre. I Suoi devoti verranno protetti a tutti i livelli.
Egli sarà il rifugio dei deboli e dei diseredati. Comparirà due volte al giorno per elargire la Sua spiritualità (Sai Baba ogni mattina ed ogni pomeriggio donava alla folla il suo Darshan , cioè la Sua Visione, la Sua Presenza Fisica).
Molti sentiranno parlare di Lui, ma penseranno che si tratti del solito ciarlatano, per questo Maometto fornisce un vero identikit del Maestro del Mondo, per distinguerlo dai falsi profeti:

“La Sua chioma sarà folta,sarà come una corona. I capelli saranno neri e giungeranno alle spalle (La chioma folta e riccia di Sai Baba era proprio come una corona, come un’aureola intorno al viso, ed arrivava alle spalle). Le sopracciglia si uniranno al centro della fronte (tutte le fotografie di Sai Baba da giovane evidenziano questo ultimo particolare). La fronte apparirà ampia. Il naso sarà dritto e avrà un infossamento alla glabella (La radice del naso era molto infossata). Avrà un neo sulla guancia ed i denti centrali saranno allontanati fra di loro (Sai Baba aveva un vistoso neo sulla guancia sinistra ed i denti centrali distanziati). I Suoi occhi saranno neri, la statura media se paragonata a quella degli ebrei (Sarà quindi basso).
Il corpo sarà minuto e le Sue gambe saranno come quelle di una adolescente ( Il corpo di Sai Baba era minuto come quello di un ragazzino di 13 o 14 anni).
Indosserà due abiti color della fiamma, uno sopra l’altro (Sai Baba aveva sempre una veste ed una sottoveste dello stesso colore) .
Il colore bronzino del viso varierà di volta in volta e sarà così brillante da non poterne descrivere il colore reale (Questo particolare può essere confermato anche direttamente da chi scrive. Spesso la Luce che irradiava il Suo volto era così intensa da non permettere una perfetta visione dei lineamenti e della carnagione).
Non porterà mai la barba (Non è mai apparso in pubblico con la barba). Il dorso sarà curvo (Quando era in età matura così era il dorso di Sai Baba).
Coloro che Lo vedranno saranno felici e le stesse anime disincarnate godranno della Sua visione.
I Suoi devoti si riuniranno a pregare sotto un grande albero (Quando era giovane, a Whitefield, si riunivano tutti sotto un enorme albero di ficus benjanmino, e a Puttaparthi i devoti , ancora oggi, si ritrovano a meditare sotto L’Albero della meditazione, un altro enorme ficus benjanmino).
Egli benedirà i devoti toccandoli con la mano e avrà nella Sua mente tutta la sapienza del mondo fin dalla nascita (Nel libro: “Il Piccolo Sai Baba”, edito da Mother Sai Publications , ho narrato dei miracoli e dell’infinita sapienza che aveva già da piccolissimo).
Materializzerà piccoli oggetti con la mano e con la bocca (Nel giorno di Shivaratri Sai Baba materializzava dalla bocca il “Lingam”, simbolo dell’Universo creato che esce dalla bocca di Dio (Chi scrive ha avuto il privilegio di vedere personalmente questo impressionante miracolo il giorno 12.3.2002.
Ogni giorno della Sua vita il Maestro materializzava oggetti, dolci od altri cibi, con la Sua mano. Ma la sua materializzazione più frequente è stata quella della vibhuti, la cenere sacra, che donava come medicina e come mezzo di elevazione spirituale).
I Suoi talismani verranno donati ai devoti che allungheranno il collo per vederlo.
Il Re del mondo, l’Incarnazione di Dio sarà l’unico che fornirà all’umanità un insegnamento di Verità.
Egli vivrà fino a 95-96 anni (Sai Baba ha lasciato il corpo fisico a 96 anni, secondo il calendario vedico lunare).
Maometto conclude con un monito ai fedeli mussulmani: “Voi, mussulmani, sappiate che Colui la Cui nascita vi verrà tenuta nascosta, sarà il Maestro del Mondo: Egli è il Mahdi”.

Sono pochissimi i mussulmani che conoscono l’opera citata . Soltanto i Sufi, alcuni mistici mussulmani, conoscono la profezia di Maometto, che è stata riportata sul bolletino ufficiale dell’Organizzazione Sai Baba, Sanathana Sarathi, nel novembre del 1990.
La descrizione fotografica di Maometto coincide in ogni minimo particolare con il corpo che aveva assunto Bhagawan Sri Sathya Sai Baba.

Gli antichi eschimesi avevano previsto le calamità che sarebbero accadute nel ventesimo secolo ed avevano parlato di un Profeta di Dio che in questo periodo sarebbe venuto dall’Oriente per “purificare le anime, illuminare i cuori e guidare tutti i popoli ad amarsi l’un l’altro” ( Brown, Vinson e Willoya, William: “Warriors of the Rainbow” p.71).

Nel Libro dell’Apocalisse di Giovanni si legge: “ Poi vidi il cielo aprirsi ed ecco un cavallo bianco e Colui che lo cavalcava si chiamava il Fedele e il Verace ed Egli giudica e regna con la giustizia…Era vestito con una veste color del sangue ed il Suo nome è la Parola di Dio. Gli eserciti che lo seguivano sopra cavalli bianchi erano vestiti di lino bianco e puro e sulla veste e sulla coscia porta scritto questo nome: “Re dei re, Signore dei Signori…
Egli afferrò il dragone del male e lo legò per mille anni. Dopodichè avrà da essere sciolto per un po’ di tempo”.
Giovanni annuncia che il nome del Cristo cosmico sarà: Il Fedele e il Verace. Sai Baba viene registrato all’anagrafe con il nome di “Sathya Narayena”, che in sanscrito significa proprio, “Verace Fedele”. Sathya significa “Verità” ed anche “Verace” e Narayena “Colui che rimane fedele nel cuore degli uomini”. Il nome Narayena fa riferimento allo spirito di Dio.
Giovanni ci dice che indosserà una tunica color del sangue: Sai Baba era quasi sempre vestito di una tunica rosso vermiglio o arancione scuro.
Giovanni riferisce che guiderà truppe vestite di lino bianco: Tutti gli studenti delle Sue scuole, tutti gli uomini Suoi discepoli erano e sono ancora oggi vestiti di bianco immacolato.
Giovanni annuncia che porterà i segni cutanei della Divinità, quando dice che porta scritto sulla veste e sulla coscia “Re dei Re”. Secondo I Veda, le più antiche sacre scritture della terra, i segni cutanei del Divino sono rappresentati da un neo e da una pigmentazione della pelle a forma di aquila (Garuda). L’aquila fa parte di un’antica simbologia. Essa accompagna sempre il Figlio Unigenito (Vishnu, la seconda persona della Trinità indù). Il simbolo dell’aquila era presente anche nelle leggende babilonesi e bibliche. L’aquila trasporta simbolicamente il Figlio Unigenito o lo Spirito Santo all’interno della realtà materiale. Nel Vecchio e nel Nuovo Testamento l’aquila diventa colomba.
Secondo i Veda l’aquila è il marchio di riconoscimento dell’Incarnazione Divina, del “Re dei Re”.
Il corpo fisico di un Purnavatar (l’Avatar con tutti i pieni poteri divini) nasce sempre con segni cutanei sul lato sinistro del corpo.
Sai Baba aveva fin dalla nascita un neo sulla guancia sinistra, una macchia più scura a forma di aquila sul petto e un altro simbolo, sul piede sinistro. Egli ha affermato che anche Krisna aveva gli stessi segni cutanei, come Sai Baba di Shirdi (la Sua precedente Incarnazione).

Sempre nell’Apocalisse si parla di un periodo di cataclismi e carestie che se quei giorni non fossero abbreviati, nessun vivente si salverebbe, ma a causa dei giusti quei giorni saranno abbreviati. In quel periodo ecco comparire il Grande Condottiero accompagnato da coloro che erano rimasti addormentati per tanti secoli in attesa di potersi risvegliare alla discesa del Cristo (qui si parla della reincarnazione di santi che il Signore ha chiamato ancora nel piano terrestre per aiutarlo nella Sua missione. Sai Baba stesso ha detto che è sceso con tutto il Suo esercito di santi proprio per evitare la distruzione del Pianeta).
Sempre nell’Apocalisse Giovanni dice: Vidi poi un altro angelo che saliva dall’Oriente e aveva il Sigillo del Dio Vivente (i segni cutanei di cui abbiamo parlato prima). E gridò a gran voce ai quattro angeli ai quali era stato concesso il potere di devastare la terra e il mare: “Non devastate né la terra, né il mare , né le piante, finché non abbiamo impresso il sigillo del nostro Dio sulla fronte dei Suoi servi”…
Dopo ciò apparve una moltitudine immensa che nessuno poteva contare, di ogni nazione, razza, popolo e lingua (durante il compleanno di Sai Baba arrivavano anche un milione di persone da tutto il mondo).
Tutti stavano davanti al trono e davanti all’Agnello, avvolti in vesti candide…(l’Agnello è il simbolo di Colui che si sacrifica per gli altri, del Redentore che ci libera dal male).
Nel 1999 Sai Baba ruppe la spina dorsale e perse molto sangue. Un palco eretto per una rappresentazione che dovevano fare gli studenti Gli cadde addosso.
Allora Swami ( termine in cui i devoti chiamano un uomo Santo o il proprio Maestro) ci disse che quell’episodio era successo per diversi motivi: uno per il fatto che non avevano dato ascolto alle Sue parole, che li aveva ammoniti sulla pericolosità dell’impalcatura; un secondo motivo era che sarebbero morti diversi studenti se non si fosse preso il male su di Sé; poi aggiunse la frase più importante: “Quello che doveva succedere quest’anno è già successo!”.
Nell’astrologia Vedica l’anno 1999 era chiamato l’anno Pramadi, l’anno dei pericoli. Tutte le profezie si davano appuntamento per quella data per cataclismi impressionanti.
Più volte, nella Sua vita, Swami prese su di Sé i mali dell’umanità. Prima di abbandonare il corpo fisico per anni ha sopportato i nostri mali. Chiunque non sarebbe resistito alle prove a cui ha sottoposto il Suo corpo fisico.
Solo Lui, l’Incarnazione del Puro Amore, sa cosa ha tolto all’umanità intera! Solo Lui sa quale destino atroce ci ha risparmiato!

Il Signore Gesù parlò della venuta del signore dall’Oriente. Egli disse: “Come il lampo viene dall’Oriente e brilla fino all’Occidente, così sarà l’arrivo del Figlio dell’Uomo” (Matt: “24-27).
Perché si chiama Figlio dell’Uomo? E’ l’inconscio collettivo di tutta l’umanità che chiama l’intervento di Dio in terra. E’ quando la situazione è molto critica che inconsciamente (I santi ed i saggi lo fanno consapevolmente) chiamiamo la Coscienza Divina, il nostro stesso Sé, ad incarnarsi per il bene di tutto il mondo.

In altri punti del Vangelo di Giovanni Gesù dice: “Avrei ancora molte cose da dirvi, ma ora voi non siete in condizioni di capirle. Quando però sarà venuto Lui, lo Spirito di Verità (Sathya, nome anagrafico di sai Baba, significa Verità),vi introdurrà in tutta la Verità; infatti Egli non parlerà da Se stesso, ma quanto ode udirà, e vi annunzierà le cose che dovranno avvenire. Egli mi darà gloria, perché prenderà del mio e lo comunicherà a voi. Tutto quello che ha il Padre è mio perciò ho detto che del mio prenderà e lo comunicherà a voi. (Giovanni 16,12-15).
Per quanto riguarda la frase: “Vi annunzierà le cose che dovranno avvenire”, possiamo affermare che tutte le profezie che Sai Baba aveva fatto da quando era bambino e che riguardano i tempi che abbiamo già vissuto, si sono puntualmente avverate. Era ancora Piccino quando aveva profetizzato La pazzia di Hitler, l’occupazione del Tibet da parte dei cinesi, la ritirata dei cinesi che stavano per invadere anche l’India (dicendo, alludendo a Se Stesso, che una Forza più grande di loro li aveva presi per il colletto a li aveva fatti retrocedere, senza nemmeno rendersi conto del perché) e tanti altri fatti storici, sia della seconda guerra mondiale, sia dei tempi più moderni.

Sempre nel Vangelo di Giovanni, Gesù dice: “Non parlerò ancora molto con voi, perché il Principe del mondo sta per venire (Giovanni 14,30).
Nel giorno di Natale del 1972 Sai Baba riportò un’affermazione di Gesù: “Colui che mi ha mandato ritornerà. Il Suo nome sarà Verità. Indosserà una veste rossa, sarà piccolo di statura ed avrà una corona di capelli”.
Sai Baba affermò allora che Gesù si riferiva a Lui, anche se queste parole sono state cancellate, purtroppo, dalla Bibbia; sono rimaste nei vangeli gnostici. ( Tratto da: “L’Incarnazione dell’Amore” di Peggy Mason e Ron Laing, pag.191 -192 – Ed. Milesi).

Il giorno di Natale del 1996 Swami materializzò un piccolo libro, dicendo che quella era la versione autentica della Bibbia, prima che venisse manipolata e mutilata.
Il Dott. Ron Laing, autore insieme a Peggy Mason del libro sopramenzionato, racconta che un giorno chiese a Sai Baba, durante un colloquio privato, se, con l’affermazione che Egli aveva fatto nel Natale del 1972, intendesse anche dire che era stato Proprio Lui, Sai Baba, a mandare Gesù di Nazareth nel mondo. A questa domanda, Sai Baba rispose : “Si!”.
Ron e sua moglie Peggy rimasero senza fiato, e Ron aggiunse: “In questo caso, sei Tu Colui che i cristiani occidentali chiamano il Cristo Cosmico?”
“Si!”, rispose ancora Sai Baba. Ron racconta: “Mi guardava dritto negli occhi, che non distavano più di trenta centimetri dai Suoi e disse solamente ‘Si!’
Io so solo che fu impossibile non crederGli”.

Nostradamus , il famoso dottore francese che previde le guerre mondiali, l’ascesa di Napoleone ed Hitler, i disastri di Hiroshima e Nagasaki, predisse che un Grande Essere sarebbe apparso in Oriente, in un paese circondato da tre mari (la penisola indiana) e intorno al 2002 sarebbe stato il Re della rettitudine ed il Signore del Mondo e che il Suo giorno sacro sarebbe stato il giovedì.
Proprio dal 2002 in tutto il mondo, i circa 100 milioni di Suoi devoti, poterono ascoltare via radio (Radio Sai) i discorsi che Sai Baba faceva alla folla.
Quando, a tredici anni annunciò Sé stesso come Avatar, disse che i Suoi devoti dovevano dedicare a Lui il culto dell’adorazione del Guru che cade di giovedì. Da allora in tutti i centri Sai Baba nel mondo (presenti in quasi tutte le città del Pianeta) ogni giovedì i devoti si riuniscono per cantare , pregare e studiare i Suoi insegnamenti. (Ceetam, Erika: “The Prophesies of Nostradamus” p.417).
Nostradamus aggiunse che Egli non apparterrà al clero, sarà quindi un laico e che sarà l’Incarnazione di tutti i poteri che esistono in cielo e in terra e che nessun uomo è mai nato e mai nascerà simile a Lui. Solleverà gli umili e abbatterà i malvagi.
Tutti i tesori del mondo saranno ai suoi piedi, la Legge morale verrà ristabilita sul pianeta e la gente accorrerà per ascoltare il suo insegnamento (Tratto da: “Sai Baba, Il Cristo è tornato” di Giancarlo Rosati).

Gli anziani degli indiani Hopi (pellerossa) ebbero visioni di un Essere in una lunga veste rossa che sarebbe venuto dall’Oriente ed avrebbe portato la pace al mondo agitato. (Kristine Gale-Kumar: “The Scripture are Fullfilled” 1991 .15-20).

Una petrografia Hopi, che aveva preannunciato l’arrivo del Messia dopo un periodo di grandi calamità in tutto il mondo, specifica che questo Essere sarebbe stato l’Incarnazione dell’equilibrio fra gli aspetti maschili e femminili dell’Universo ( Sai significa: Madre Divina, Baba significa: Padre Divino. Egli Stesso aveva affermato di essere l’Incarnazione di Shiva: l’aspetto maschile, e di Shakti: l’aspetto femminile).

Nel 1983 i Lama tibetani che avevano visitato gli USA, incontrarono i saggi Hopi; fu un meeting per confrontare le profezie fatte dai loro rispettivi profeti, per risvegliare il mondo ed indurlo a seguire il sentiero della rettitudine, per pregare per il benessere di Madre Terra e di tutti gli esseri viventi. Con grande stupore essi scoprirono che, non solo le profezie degli Hopi e dei buddisti erano condivise, ma che perfino la loro lingua era così simile da non dover usare l’interprete!
In quell’occasione esaminarono la petrografia Hopi e discussero il preannunciato perfetto equilibrio mondiale che ci sarebbe stato grazie al Grande Essere. Essi cercarono di trovare dei segni nella natura, ma allora non trovarono niente.
Poi, nel 1990 la CNN comunicò che un pilota, mentre sorvolava un deserto negli USA, vide sotto di sé un disegno geometrico impresso nel suolo (CNN Tv – 1990).
Le fotografie dei disegni hanno lasciati perplessi i geologi, gli scienziati e i matematici; si trattava di un cerchio che conteneva numerosi triangoli perfetti ed un puntino.
Finalmente essi scoprirono che era esattamente ciò che in India è conosciuto come lo “Sri Chakra Yantra”. Lo Yantra si riferisce alla rappresentazione visuale del Divino, mentre il Mantra è il suo complemento sonoro. Lo Sri Chakra Yantra è una rappresentazione geometrica, un sacro diagramma mistico della Divina Madre.
Dopo questa scoperta Buddisti e saggi Hopi considerarono questo segno naturale come la conferma che la Divina Madre era scesa sulla terra. (Padma Sambava’s Red Cloak Buddhist Sect and Hopi Meet, USA 82-83 – come citato da Gale-Kumar: “The scriptures are Fulfilled” pag.19).

Una tribù indiana d’America, gli Iroquois, fu avvertita dell’arrivo dell’uomo bianco, della conquista spagnola dovuta anche all’avidità dell’oro, della distruzione della loro civiltà, dell’oppressione che avrebbero subito, ecc. Tutte queste predizioni si rivelarono puntualmente. Furono anche informati che, dopo il peggio, sarebbe sorta “una Luce molto più luminosa del sole che avrebbe rappresentato la Gloria di Dio; e la Luce della Verità (Sathya significa Verità, Verace) avrebbe portato la pace a tutti i popoli; ed i popoli indigeni avrebbero riacquistato un’altra volta la loro posizione e la gloria del passato” (Kristine Gale-Kumar: “The Scriptures are Fulfilled” p.22-24 e 47).

Più recentemente un indiano d’America chiamato Black Elk, sant’uomo molto venerato, ebbe visioni di questo Essere che veniva dall’Oriente vestito di rosso. Egli poté vedere realmente come questo “Grande Maestro” che voleva unire il mondo, iniziasse a divulgare il concetto di fratellanza universale dell’uomo. Spesso egli “vide” il Santo rivolgersi al gran numero di persone che andavano da Lui ed osservò che il “Santo uomo cantava” alcuni versi prima di iniziare i Suoi discorsi (esattamente quello che faceva Bhagawan Sri Sathya Sai Baba!).
Black Elk aveva visto che i seguaci del grande essere “Avevano una stella sulla fronte” (I devoti di Sai Baba usano mettere la vibhuti, la cenere sacra, o il bindi in mezzo alle sopracciglia, all’altezza del terzo occhio spirituale.

Edgar Cayce, il veggente mistico americano, parlò dell’arrivo di un Messia dall’Oriente, la cui parola avrebbe raggiunto l’occidente intorno al 1958 e che avrebbe portato l’era della Rettitudine e della Pace. Cayce aveva predetto con esattezza la guerra del Golfo ed aveva parlato delle grandi calamità che sarebbero accadute verso la fine del millennio. Ma disse anche che dalle ceneri dei conflitti sorgerà la Fenice della Pace e che il Messia sarà il messaggero della stessa. (Readings of Edgar Cayce, The Sleeping Prophet, on Jesus Christ: The Second Coming”).

Daniel, il Profeta Ebreo , che previde la venuta di Gesù Cristo, aveva annunziato che verrà un Messia durante questi nostri tempi bui.
Daniel parlò della venuta di un Dio che avrebbe istituito, dopo il Cristo, il Regno di Dio sulla Terra. In una visione Egli parlò del Signore vestito di bianco immacolato e dai capelli come pura lana (I capelli di Sathya Sai Baba sembravano più i capelli di un africano) seduto su di un trono (Il giorno del Suo compleanno Sai Baba era sempre vestito di bianco, come ogni Natale) ed una grande moltitudine di persone era di fronte a Lui (come tutti i gironi accadeva).
(Black Elk Speaks p.208 – Kristine Gale-Kumar: “The scriptures are Fulfilled” p.142-147 e p.156-167).

Zoroastro che visse intorno al 1000 avanti Cristo, aveva previsto la nascita di Gesù e le sue parole profetiche guidarono i Magi a Betlemme, aveva anche preannunciato la venuta di un Messia dall’Oriente intorno all’anno 2000.

PAPA GIOVANNI XXIII, il “Papa Buono”, prima di diventare Papa era stato Nunzio Apostolico in Turchia. Lì aveva fatto alcune profezie. Ecco cosa disse:
“I fratelli d’Oriente ed Occidente si uccideranno e nell’assalto uccideranno i loro figli.
Allora scenderà dal monte il Santo Scalzo e scuoterà il regno. Ascoltate le Sue parole, nella terra di Bhraman (l’India viene chiamata Terra di Brahman, cioè Terra di Dio) una voce disarmata è la Coscienza del mondo che non morirà mai.
Da Lui verrà un nuovo ordine di cose. Il messaggio di Dio non verrà abbandonato. Sarà il Santo Scalzo a tenerlo vivo, anche quando la violenza, l’odio e il sangue soffocheranno ogni barlume di spiritualità.
Sarà il Santo dei santi, Colui che cammina a piedi scalzi, che ristabilirà nel mondo la giustizia, la pace e l’amore.”
(Sai Baba ha sempre camminato scalzo).

Sri Aurobindo, uno dei più eminenti filosofi e mistici dei nostri tempi, la cui prima aspirazione nella vita era di portare la coscienza di Dio sulla Terra, il 24.11.1926, giorno dopo la nascita di Sai Baba, disse: “Il Divino è sceso sulla Terra. Dio si è incarnato portando con Sé tutti i poteri della Divinità: l’Onnipotenza, l’Onniscienza, l’Onnipresenza. E’ sceso sotto vesti umane. Un potere infallibile guiderà le menti e nel cuore della gente arderà la fiamma immortale. Le moltitudini ascolteranno la Sua voce”.
Da quel giorno Sri Aurobindo si chiuse nel silenzio e nell’isolamento.

Il Signore Budda aveva dichiarato che Egli non sarebbe stato l’unico Budda, che in un tempo futuro sarebbe arrivato un altro Budda (Illuminato), da Lui chiamato “Maitreya”.
“Egli rivelerà, ancora una volta, l’Eterna Verità e stabilirà la Sua Legge con immensa Gloria. I Suoi discepoli saranno centinaia di migliaia, mentre i Miei sono solo qualche centinaia” , così annunciò il signore Gautama Budda.
Le scritture buddiste, in cui Sathya Sai Baba viene descritto come Maitreya Budda, parlano di Lui come il Budda che ritorna, intendendo che avrà tre incarnazioni successive. (Caras, Paul: “The Gospel Of Budda”, p.245 . Roerich, Nicholas – come citatory da Brown e willoya nel: “Warriors of the Rainbow”, pp.40-41 e Gale Kumar: “The Scriptures are Fulfilled” p.145).

Il Profeta Wowoka, Indiano d’America, nel lontano 1889 dichiarò che il Signore era già sulla Terra in Oriente. Egli parlava della prima Incarnazione: Shirdi Sai Baba.

Anche i saggi eschimesi “videro” la prima Incarnazione di Sai Baba. Essi videro la forma del Signore e descrissero che era un uomo alto il cui viso era pieno d’Amore, vestito di bianco, con capelli e barba bianca. Aveva sulla testa un tipo di copricapo particolare, un telo avvolto intorno alla testa.
Questa è una descrizione perfetta di Shirdi Baba, fino al segno caratteristico del suo turbante e del suo kafni (vestito tipico dell’epoca).
Sia gli Hopi, sia gli eschimesi, sia le altre tribù indiane d’America parlarono dei Tre Esseri Divini che sarebbero venuti in serie: “I tre dimostreranno ai popoli della terra un grande progetto per una nuova vita che condurrà alla vita eterna”, dichiararono.
Anche Bhagawan Sri Sathya Sai Baba ha dichiarato proprio la stessa cosa: “La prima forma di Sai si manifesta per rivelare la Divinità; la seconda forma Sai per risvegliare la Divinità negli esseri umani; e la terza forma Sai è per rendere gli esseri umani capaci di realizzare l propria Divinità e vivere nella Stessa”.
Gli Hopi considerano quest’ultimo passo un grandissimo evento di evoluzione e preannunciano che ciò accadrà dopo il Grande Giorno di Purificazione. Gli Hopi predicono che due dei Grandi Esseri verranno prima del Grande Giorno ed il terzo (Prema Sai Baba), verrà dopo.
E’ interessante notare che i saggi Hopi fecero queste dichiarazioni nel 1940, l’anno in cui Sathya Sai Baba, non ancora quattordicenne, annunciò al mondo la Sua Avatarità.

Re Djodjobojo dell’Isola di Giava, in Indonesia, nel lontano dodicesimo secolo preannunciò che, verso la fine del ventesimo secolo, un grande Re spirituale avrebbe unito nell’Occidente (l’India è in occidente rispetto all’Indonesia) tutte le religioni, tutte le razze ed i gruppi sociali (caste) e avrebbe portato mille anni di pace (I mille anni profetizzati da San Giovanni, durante i quali il “dragone”, il male, sarebbe stato rinchiuso)
Re Djodjobojo aveva preannunciato l’arrivo dell’uomo bianco, il dominio coloniale, l’invasione giapponese, ecc. sempre con esattezza.

Nota: Questo capitolo è stato redatto consultando i seguenti testi ed opere:
“ Il Cristo è tornato” del Dott. Giancarlo Rosati – Ed. Milesi;
“ Dio è tra noi” della Dottoressa Hirmalini Seshandri – Ed Milesi;
L’apocalisse di Giovanni e il Vangelo di Giovanni.
“L’Incarnazione dell’Amore” di Peggy Mason e Ron Laing – Ed. Milesi
Film prodotto da Luigi Ferrante: “Ti racconto una storia” – Surya Entertainment & Communications.

La scoperta di queste profezie per coloro che, come me, hanno avuto la Grazia di poter conoscere personalmente Sai Baba, è stata soltanto la conferma di ciò che i nostri cuori avevano già percepito, senza ombra di dubbio, sulla Realtà Del Corpo Divino che era accanto a noi.

Gloria e Onore a Colui che ci ama dall’inizio dei tempi e che sempre ci amerà!
Jay Bolo Bhagawan Sri sathya Sai Baba

Written by amaeguarisci in: Articoli |
Aug
30
2017
-

MESSAGGIO: NONOSTANTE OGNI EVENTO, RESTATE NEL VOSTRO OTTIMISMO, PERCHÉ NON C’È ASSICURAZIONE MIGLIORE DI QUESTA PER IL VOSTRO FUTURO, PER LA VOSTRA VITA!

SoleSopraNuvole-610x458
Figli Miei Adorati, tutto il mondo deve sapere che nulla c’è da temere.
La perfezione del Piano Divino non vi è ancora chiara; eppure state svolgendo una parte bellissima. Siete scesi in un periodo storico di grandi cambiamenti, difficile e duro, quanto meraviglioso. È un periodo difficile e doloroso come può esserlo il tempo del parto per una donna. Questo è un tempo comunque bellissimo perché vi è una nuova nascita: quella di una nuova coscienza che si sta manifestando in voi.

Gli avvenimenti, sempre più rapidi e spesso cruenti, sono come le contrazioni che sfoceranno nelle spinte del “parto”.
Tutto è da glorificare; tutto sta avvenendo nel migliore dei modi. Abbiate la certezza che nessun dolore è invano. Certo, non dovete cercarlo il dolore! Non dovete pensare di mortificare il corpo (fisico ed emotivo) con autopunizioni; non c’è nulla di più sciocco ed inconcludente di questo!
Se non onorate il Divino in voi, il Divino che voi siete, come fate a ritornare alla consapevolezza della vostra Stessa Divinità che è Amore, Gioia e Benessere?
I dolori non vanno cercati, ma vanno accettati quando si presentano. Certamente ci sono mamme che partoriscono con pochissimi dolori, o addirittura senza, ed altre che soffrono molto per dare alla luce il proprio bimbo, ma alla fine tutte saranno felici e dimenticheranno le pene del parto con la gioia di poter stringere fra le braccia il loro tesoro.

Questo è l’atteggiamento che dovete avere: accettare, affrontare al meglio le prove della vita come il vostro “travaglio”, perché se opponete resistenza il “parto” sarà ancora più doloroso, e fatelo sicuri che seguirà un esito meraviglioso.

Lasciatevi trasportare dalla corrente del fiume della vita, consapevoli che vi sta riportando al Mare che Voi Siete! E non temete la morte come una calamità! Ci sono anime che hanno bisogno di “cambiare abito” e scena; hanno bisogno di tornare alla Fonte della Gioia e di continuare il proprio percorso diversamente.

La vostra ignoranza spesso vi fa vedere la vita come unica e, una volta finita, pensate ci sia il nulla. Sarebbe come andar nel panico ogni volta che tramonta il sole e temere che mai più tornerà. Il sole sempre ritorna; la luce sempre c’è; la vita sempre continua, in questa o in altre dimensioni.
Ad ogni passo avanti nel ricordo di Chi Siete le prove diventano per voi più leggere. Quando siete consapevoli di essere un maestoso elefante, come potete temere una mosca?

Miei Adorati pensatori, il pensiero è opera sacra, è costruttivo, quindi cominciate a fare una distinzione fra i pensieri da alimentare ed ai quali dare forza, e quelli da lasciare scorrere, come le immagini sul telo del cinema.

Nonostante ogni evento, restate nel vostro ottimismo, perché non c’è assicurazione migliore di questa per il vostro futuro, per la vostra vita! I vostri sentimenti di gioia e fiducia nel futuro vi porteranno sempre cose buone, anche se , in verità, ogni cosa da voi creata è buona proprio perché vi insegna, proprio perché vi fa sperimentare, proprio perché il detto: “Sbagliando s’impara” è sacrosanto in questo piano terrestre. Il Bimbo che fa i primi passi cade spesso, ma sempre si rialza e , alla fine, non cade più ed inizia anche a correre.
Quando ne avrete abbastanza di “ginocchia sbucciate” allora cambierete modo di pensare, parlare ed agire.

Abbiate la compassione e la pazienza verso coloro che, come bimbi, muovono ancora i primi passi e sperimentano di tutto. Non permettete, certo, loro di nuocervi, o di nuocere ad altri, se è nelle vostre possibilità; ma abbiate la magnanimità verso ogni creatura che sta sperimentando anche cose dolorose e dannose.

Ricordate che ogni cosa che nuoce a voi stessi, nuoce agli altri; come ogni cosa che nuoce agli altri, nuoce a voi stessi; e più andate avanti nel vostro cammino, e più ve ne rendete conto.

Amori Miei, cercate di mantenete il sorriso, l’entusiasmo ed il buon umore sempre! Questa è tutta la forza che vi occorre, questa è la vitamina, questa è la cosa che più conta! Se amate star bene, questo è tutto l’equipaggiamento che vi occorre per attraversare il mare della vita.

Vi benedico perché possiate librarvi leggeri sopra le nuvole nere delle preoccupazioni e delle paure, per restare in quel vostro Luogo Sacro dove c’è sempre il sole!

Written by amaeguarisci in: Messaggi ricevuti |
Aug
28
2017
1

MESSAGGIO: IL BRUTTO, CIÒ CHE CHIAMATE BRUTTO, ESALTA IL BELLO. IL MALE, CIÒ CHE CHIAMATE MALE, ESALTA IL BENE. COME POTETE SPERIMENTARE UNA COSA SENZA CONOSCERE L’ALTRA?

2.1
Miei Adorati, Preziose Parti di Me, mi sono diviso in innumerevoli forme per potermi sperimentare, per poter vivere ed amare attraverso ciascuno di voi.

Non detestate questa vita preziosa; sappiatene cogliere la preziosità, perché ciò che pensate e volete potete qui sperimentare. Anche ciò che volete ad un livello profondo e che non riconoscete come vostra volontà, si traduce negli avvenimenti, nelle situazioni che avete messo in scena proprio per sperimentare.
Spesso avete la sensazione di aver perso un treno; ma, Miei Cari, avete a disposizione tutti i treni che volete! Ogni istante avete opportunità di vivere, di provare.

Non lasciatevi mortificare da quelli che per voi sono insuccessi! Non lasciatevi annebbiare ed annichilire dal senso di smarrimento ed impotenza! Avete fatto tutto per ricordare chi siete, per crescere in consapevolezza di voi.

Sapete… molti pensano di dover molto studiare per raggiungere la gioia infinita che è vostra necessità e vostra meta. In realtà IO che sono il vostro Divino Sé, tutto conosco fin dall’inizio dei tempi. Il Dio in voi è onnisciente ed onnipotente; sta a voi fare ciò che vi aiuta a ricordare la vostra maestria e ad applicarla e manifestarla per il bene vostro e del Tutto.

Sappiate che il vostro bene è sempre il bene di tutti, come il bene di ogni creatura è il vostro stesso bene. Ora sapete, almeno a livello mentale, che non c’è distanza e distinzione fra voi ed il resto del mondo. Ora , sapete, perché continuo a ricordarvelo, che in realtà la divisione è apparente, e quindi non potete far soffrire una creatura senza che voi proviate sofferenza, e non potete portare gioia e benessere ad altri senza che questo non giunga a voi stessi.
Sperimentate più volte quel senso di sollievo che provate quando sollevate un’altra anima da pesi e dispiaceri. Avete provato più volte come ci si sente male quando fate soffrire qualcuno… questo vi basti a ricordare che davvero non c’è separazione fra ognuno di voi, fra le innumerevoli parti di Me Stresso.

Esseri Meravigliosi siete! Ma troppo spesso, vittime di una cultura nefasta, pensate di essere ignobili peccatori, incapaci ed inetti. Sappiate che questo vostro pensiero e sentimento è davvero dannoso, in quanto vi preclude la rimembranza della vostra Maestria, della vostra Magnificenza. A mia immagine siete fatti: che sia l’immagine di voi stessi la più splendida che potete immaginare! E, nel contempo, che lo sia di ogni creatura, nella consapevolezza che solo l’IO SONO esiste e permea ogni spazio.

Rivolgetevi a Me, nel silenzio della vostra mente! Rivolgetevi a Me, nel turbinio delle sensazioni, quando siete destabilizzati, quando l’ansia prende il sopravvento! Rivolgetevi a Me, cioè alla vostra vera ed unica Essenza, e ricorderete quante capacità sono insite nel Dio che voi siete; ricorderete che ogni prova potete superare, senza danno, sentendovi sicuri ed accresciuti in fede e fiducia in voi stessi.
Fiducia in voi stessi è fiducia in Dio. Non potete amare Dio, e fidarvi di Lui (come fosse estraneo a voi) se la fiducia nel vostro Divino Sé, che sempre vi guida dall’interno, non si palesa.

Non soffrite per le situazioni del mondo! Le avete create tutti insieme proprio per sperimentarle e trascenderle. Presto questa tragedia, che avete messo in scena, finirà. Presto resterà quel calmo senso di benessere a pervadere il Pianeta Terra.

State tutti risvegliandovi nel ricordo di voi, aiutati dai tanti Maestri preziosi che ho impersonato.
State tutti svolgendo un ruolo prezioso. Ognuno di voi contribuisce alla meraviglia della manifestazione. Siate sereni nell’affrontare le prove, con la sicurezza che, alla fine, la gioia tornerà ad essere il vostro normale stato!

Il mondo è perfetto nelle sue imperfezioni. Tutto ciò che accade è la manifestazioni dei vostri pensieri e sentimenti globali. Questa è la perfezione: la vostra capacità di creare in continuazione… e se un disegno da voi fatto non vi piace, potete sempre cancellarlo e rifarlo.
Il brutto, ciò che chiamate brutto esalta il bello. Il male, ciò che chiamate male, esalta il bene. Come potete sperimentare una cosa senza conoscere l’altra? Mi capite vero? Ecco dov’è la perfezione! Ma voi non lasciatevi andare al vittimismo, alla critica, al lagnarvi sempre per tutto ciò che avete messo in essere. Una statuina di pongo può sempre essere rimpastata e riformata.

Andate leggeri! Non state sempre a lamentarvi! Decidete di cambiare punto di vista se quello che ora vi porta solo dolore. Non sono gli avvenimenti a farvi male, ma la vostra reazione a questi. Ognuno può vivere la stessa cosa in maniera totalmente differente.
Anche la morte di una persona cara può essere vissuta in modo totalmente differente. C’è chi ringrazierà e gioirà nel sapere che sono finite le sofferenze di una persona a lui cara; e c’è chi piangerà sconsolato perché dentro di sé aveva deciso di godere ancora per molto di quella presenza fisica.

Miei Cari, siate sempre consapevoli che non dovete prendervela con nessuno, ma nemmeno condannare voi stessi per ciò che avete fatto o non fatto, detto o non detto. Sapete… in ogni momento avete fatto il meglio che riuscivate a fare allora, in base al vostro livello di rimembranza di voi e del vostro immenso valore.
Siete tutti maestri che hanno deciso di dimenticare tutto per ricordare e risperimentare tutto. Abbiate sempre l’amore e la stima verso voi stessi e verso ogni manifestazione del creato!

L’umiltà è riconoscere il Divino in ognuno ed onorarlo. Mentre la superbia è riconoscere a se stessi tratti superiori, rispetto ad altri. Ma un’anima risvegliata non può che essere nell’umiltà, nell’umiltà che vede il Magnifico in tutti, come in se stessa.

Figli Miei, manifestate il vostro Divino Amore in ogni momento, con pensieri, parole, azioni… con sguardi, abbracci, strette di mano, carezze… con tutto il vostro essere!
Più manifestate il vostro Divino Amore e più vi sentite appagati, perché state manifestando il Divino che siete.
Mi sono diviso per amare Me Stesso, per dare e ricevere Amore, per questo feci tutto questo.

Written by amaeguarisci in: Messaggi ricevuti |
Aug
24
2017
-

LIBRO: MESSAGGI DAL DIVINO SÉ aquistabile su AMAZON versione cartacea o e-book, o scaricabile gratuitamente

FB_IMG_1503586638477

Carissimi, potete scaricare gratis questo libro andando a questo link :
http://amaeguarisci.altervista.org/libro-messaggi-dal-divino-se-scaricabile-gratuitamente/

Su AMAZON poter trovare la versione cartacea, e la versione e-book Kindle (basta mettere il titolo del libro).

A Gennaio del 2016 successe una cosa per me insolita: mentre stavo componendo un articolo, incominciai a scrivere con una velocità incredibile e su un argomento diverso da quello che avevo scelto. Sentivo emergere parole che giungevano alla mia coscienza con una fluidità sorprendente. Non era, non poteva essere la mia mente ordinaria a dettarmi quelle parole; non le sceglievo, non le correggevo, cancellavo od aggiungevo. Le parole arrivavano velocissime, da una Parte Profonda di me; alla fine correggevo solo gli errori ortografici o di battitura.

Iniziai così a ricevere molti messaggi. Da Chi? Dal mio Maestro? Da quale parte di me? Dal mio inconscio, dal Superconscio, dal mio Divino Sé?
Secondo la filosofia Adwaita insegnata nei Veda, esiste solo l’Uno che ha preso forme diverse. Sai Baba, infatti, diceva: “Io sono voi, voi siete me. Fra noi non c’è separazione. Io sono il vostro Sé che ha fatto un salto fuori dal vostro cuore, perché voi possiate parlarci”.
Ma Egli ha anche detto: “Io sono Dio. Anche tu sei Dio; la differenza fra me e te, è che Io ne sono completamente consapevole, tu ancora no.”
Ed ecco ancora le Sue parole: “Io non sono Sathya Sai Baba, quello non è che un nome col quale mi designate oggi. Io sono quell’unico Dio che risponde alle preghiere che scaturiscono dal cuore umano, in ogni lingua, da tutte le terre, qualunque sia la forma della Divinità invocata.”
“Io appartengo a tutti coloro che hanno bisogno di Me. Io sono Rama, Io sono Krisna e i miei fedeli sono in diverse parti del mondo. I popoli mi pregano in diverse lingue. Io sono venuto per tutti: santi e peccatori, ricchi e poveri, ignoranti e saggi.”
“Lo stesso Principio Divino che i ricercatori si sforzano di visualizzare in anni ed anni di ascetismo e di rinuncia è davanti a voi, qui ed ora. Rendetevi conto della buona sorte che avete avuto.”

Da chi, quindi, arrivano questi messaggi? Dal mio Divino Sé, che è Sai Baba, che è Krisna, che è Gesù, che è Rama, che è tutti i nomi…che è il Tutto. Chiamo, quindi, questi messaggi: “ Messaggi dal Divino Sé”; anche perché non voglio che si crei confusione fra le parole che Sai Baba pronunciò con il Suo corpo fisico, quando camminava fra noi e conversava con noi, con quelle che ispira, come voce interiore, a molti devoti in tutto il mondo.

In questo libro ho raggruppato tutti i messaggi che ho ricevuto, in questo modo, durante l’anno 2016.
Potete leggere i nuovi messaggi sempre sul mio sito : amaeguarisci

Che l’Amore, la Luce e la Gioia colmino sempre i nostri cuori!
Siete sempre nel mio abbraccio!
Buona lettura!

Written by amaeguarisci in: I MIEI LIBRI |

Theme: TheBuckmaker.com Best WordPress Themes | Webhostingpad comparison, Pfandleihhaus