Crea sito
Sep
03
2014

I CAMBIAMENTI IN NOI

Bambini-giocano
Cari amici, voglio soffermarmi su alcuni cambiamenti che si verificano in noi man mano che prendiamo sempre più coscienza di chi siamo.
Più siamo consapevoli che facciamo parte del “Corpo di Dio”, che siamo uno con il Tutto, e più abbandoniamo certe abitudini, derivanti dal senso di separazione.
Non riusciamo più a trovare alcun interesse nel sentir parlare male di altri, né ci interessa più il pettegolezzo ed il gossip. Ogni volta che sentiamo parole di cattiveria e rabbia rivolte a qualcuno, ci sentiamo a disagio, feriti ; perché quelle parole, sappiamo a livello inconscio, sono rivolte a noi che siamo un tutt’uno con ogni persona.
Ogni volta che assistiamo ad una sofferenza, ad un disagio di un altro essere, sentiamo quella sofferenza e quel disagio in noi, per cui ci viene spontaneo far di tutto per alleviare quella pena.
Non ci interessano più certi argomenti e certi intrattenimenti che prima riempivano i nostri vuoti: i vuoti non ci sono più, la noia non esiste più.
Anche restare da soli in un cantuccio per tanto tempo non ci mette irrequietezza, anzi: è l’occasione per dedicare un po’ di tempo alla meditazione, al contatto con il nostro Sé, alla creatività artistica, alla preghiera, all’introspezione, alla visualizzazione di tutto ciò che ci piacerebbe fare ed avere.
Andiamo a far shopping al centro commerciale o al mercato, ma non ci interessano più le marche, i prezzi, i paragoni, forse anche la qualità della merce: prendiamo istintivamente la cosa che più ci attrae e, a volte, è anche la più economica. Non siamo più tanto bravi negli acquisti, semplicemente perché diamo loro meno importanza e quindi dedichiamo ad essi meno tempo ed energie.
Non ci preoccupiamo più del futuro, non siamo più apprensivi: sappiamo che avremo sempre ciò che è giusto per noi, che attiriamo tutto ciò su cui ci soffermiamo e, quindi, siamo portati ad essere sempre più ottimisti. Il nostro ottimismo viene scambiato per stoltezza, ignoranza od ingenuità: ma è semplicemente fede e fiducia totale nel piano Divino.
Torniamo sempre più bambini: viviamo pienamente il momento presente, senza preoccuparci per il prima ed il dopo. Scherziamo, siamo ironici, pur giocando seriamente il nostro gioco . Siamo consapevoli che stiamo giocando una partita, per questo non prendiamo troppo sul serio gli avvenimenti della nostra vita.
Siamo sempre più distaccati emotivamente dalle cose e dalle persone. Se i ladri entrano in casa e ci rubano tutti i nostri preziosi, non facciamo una piega: le vere perle sono dentro di noi e ne siamo consapevoli.
Se muore una persona cara, un amico, un cane, un vicino di casa… non siamo più disperati come gli altri. Ci fa soffrire molto la sofferenza che quell’anima ha dovuto sperimentare prima del volo; ci fa soffrire vedere gli altri cari piangere disperati, ma siamo felici per l’anima che, sappiamo, continua il suo viaggio dopo aver abbandonato le sofferenze fisiche.
Semplifichiamo sempre più la nostra vita: appuntamenti, relazioni, ed altri impegni, diventano meno pressanti. Non abbiamo più bisogno di riempire per forza ogni minuto del nostro tempo, come facevamo prima, per evitare di stare da soli con noi stessi e sentire emergere dal nostro profondo ciò che non andava.
Ci cibiamo in modo diverso. Cuciniamo piatti sempre più semplici , meno elaborati e mangiamo sempre più frutta e verdura crude. Sentiamo una spontanea repulsione per il cibo che deriva dalla sofferenza: quella inflitta agli animali dei quali, prima, riuscivamo a cibarci.
Siamo attratti dai posti pieni di energia vitale e rifuggiamo da tutti quelli intrisi di vibrazioni mentali antivitali, come l’ansia, la rabbia, l’ attaccamento, l’avidità, la concupiscenza, ecc.
Qualunque avvenimento accada riusciamo a mantenere uno buono stato di equanimità, nella consapevolezza che il disegno divino è sempre perfetto e ci porta al nostro massimo bene.
Proviamo un grande amore per tutte le creature: uomini, animali (compresi gli insetti), le piante, tutto il Pianeta e tutte le stelle. L’amore sgorga sempre, in un flusso continuo e a prescindere da tutto, semplicemente perché abbiamo tolto “il tappo” che prima impediva al nostro cuore di emanare ed espandere.
Siamo sempre più veri e sinceri. Le maschere non ci servono più. Non vogliamo più nascondere nulla, né le fragilità né i difetti: siamo trasparenti, gioiosamente trasparenti e veri. Fa niente se per la maggior parte della gente il nostro stato d’essere è incredibile e quindi falso: semplicemente siamo veri come i bambini e non inquadrabili, non etichettabili.
Diamo sempre più l’impressione di essere ingenui, un po’ incoscienti, magari un pò stupidi. Ma chi non si trova in questo stato d’essere non può comprendere l’intelligenza che viene dall’intuito profondo, che è diversa da quella puramente razionale.
Facciamo sempre più scelte di vita diverse dalla logica corrente, semplicemente perché la nostra scala di valori è completamente cambiata. Ciò che per la maggior parte della gente è molto importante, per noi non lo è più.
Il senso del dovere e del peccato non esistono più come macigni che incombono. Tutto viene fatto per soddisfare la voce interiore, con gioia e leggerezza. Serviamo gli altri donando non solo le cure materiali, ma donando la nostra energia, il nostro entusiasmo, il nostro ascolto, la nostra accettazione, la nostra pazienza, la nostra tolleranza, il nostro non giudizio, la nostra accoglienza, la nostra gioia, il nostro amore. Questo è il nostro modo spontaneo di servire.
Ci accettiamo e ci amiamo sempre più, perché sempre più riconosciamo il Divino in noi, che ha voluto fare un’esperienza di separazione , nella dualità del piano terrestre, per poi tornare alla ricongiunzione. Sappiamo che tutto il nostro passato, anche con i suoi errori ed i suoi traumi, ci è servito per arrivare al punto dove siamo oggi. Perdoniamo gli altri per ciò che hanno fatto e ci perdoniamo per le esperienze spiacevoli che non siamo riusciti ad evitare, e che ora, spontaneamente, non ripetiamo più. Siamo consapevoli di essere Scintille Divine e come tali onoriamo noi stessi e tutti gli altri.
Sono ancora tanti e tanti altri i cambiamenti che viviamo. La nostra natura è il cambiamento. Nulla è statico, neppure una pietra resta tale e quale.
Cari amici, ringraziamo con tutto il cuore il Maestro Spirituale che ci ha permesso di intraprendere il viaggio meraviglioso della vita con una nuova consapevolezza!

OM SRI SATHYA SAI BABAYA NAMAH

Written by amaeguarisci in: Senza categoria |

1 commento

  • si, è così, e lo sarà sempre di più man mano che si va avanti

    Comment | settembre 5, 2014

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Theme: TheBuckmaker.com Best WordPress Themes