Crea sito
Jan
31
2017
-

MESSAGGIO : FATE TUTTO COME UNA SACRA OFFERTA ALLA DIVINITÀ IN VOI.

20140217_143720-1Miei cari amici, ecco il messaggio che ho ricevuto oggi.
Vi abbraccio tutti!

Avete percorso migliaia di strade; spesso senza pensare a Me, che sono il vostro Divino Sé. Avete percorso strade tortuose, in salita, piene di spine, ma solo per poter godere, un giorno, del “tappeto di rose” che ho preparato per voi.

Che questa, in terza dimensione, sia solo una farsa, una rappresentazione teatrale, incominciate ad intuirlo; perché voi vivete anche quando dormite profondamente, anche quando sognate. E spesso, molti di voi ricordano anche luoghi e persone che hanno visitato durante il sonno, durante il “ breck”, “l’intervallo” della scuola terrestre, che il sonno rappresenta.
Allora, sapete che non serve prendervela troppo per ogni minimo avvenimento che non si confà alle vostre aspettative. Allora capite che non ha alcun senso rattristarvi, preoccuparvi , restare in ansia per ciò che temete si avveri, o non si avveri.

Lasciate scorrere la vita! Quando andate al cinema a vedere un bel film, state comodamente seduti in poltrona, rilassati e felici, a godervi la rappresentazione; cercate di fare lo stesso con la vostra vita, che è il film da voi messo in atto. Siete voi il Regista, ovvero: IO, che sono in voi, la Parte Divina di voi.
Cercate di seguirmi , di non ascoltare sempre la mente ordinaria, che è un valido strumento , ma che deve essere asservita al Sé. Invece voi fate della mente la vostra padrona, e questa vi porta fuori strada, nei meandri che non vi eravate prefissati di vivere. E’ pur vero che, da un punto di vista più alto, è tutto perfetto, ma si possono “passare gli esami senza essere rimandati a settembre, e senza essere costretti a faticare tutta l’estate per recuperare”.

Avete tante strade per far ritornare in voi la memoria di Chi Siete; ne avete percorse di tutti i tipi. Ora decidetevi a seguire le indicazioni che Io vi ho dato, con corpi diversi ed in epoche diverse, per uscire dal labirinto della terza dimensione. Se vi siete stancati del labirinto, se questo gioco incomincia a stufarvi, cercate di vivere nel mondo con la testa rivolta a Dio, al Dio che tutti siete. Potete giocare ancora qui, ma con la consapevolezza che state solo giocando e sperimentando, senza quindi angustiarvi più del dovuto.
Cercate , Miei Cari, di vivere attimo per attimo, facendo ogni cosa al meglio delle vostre capacita; anche le cose che sembrano insignificanti, come preparare un caffè, o lavarvi i denti. Fate tutto come una sacra offerta alla Divinità in voi. Fate tutto, ogni lavoro, ogni svago, ogni azione, per la gloria del Divino Sé! Allora non avrete più pesi nel cuore, non vi tormenteranno più i dubbi e le angosce; tutto sarà alleggerito e potrete godervi lo spettacolo della vostra vita, comodi e rilassati, come al cinema, sapendo che siete sempre lo Spettatore, oltre che il Regista. L’Attore (che sempre voi siete) anche se nella scena si ferisce, in realtà mai viene ferito. Nulla può far del male alla Divinità Eterna ed Immutabile! Nulla può scalfirla o sminuirla. Con questa consapevolezza, se vi denigrano e vi calunniano, domandatevi: “Chi stanno calunniando? Il mio corpo? Io non sono il mio corpo. Stanno calunniando la mia anima? Che possono fare alla mia anima che è Onnipotente ed Eterna?”
Senza immedesimarvi troppo con la parte, vivete gioiosi, e vedrete che potete anche cambiare “il copione” strada facendo; proprio perché, senza immedesimarvi e spaventarvi troppo, ogni tragedia può essere trasformata in commedia, anche comica, se volete vederne la comicità con l’autoironia che solo i grandi posseggono.
Siete in una “boccia di vetro” come alcuni pesci, ma potete immergere tutta la boccia nel Mare e tornare a nuotare nell’Immensità, solo se vi decidete a pensare costantemente a Dio, al Dio che Siete e che tutto E’. Non limitatevi più, Miei Adorati! Non siete solo le Mie gocce, siete tutto il Mare che IO SONO.
L’amore per voi stessi, per gli altri, per ogni creatura, ogni sasso, ogni pianta, ogni cosa visibile ed invisibile, vi porta all’immersione della “boccia di vetro” nel Mare Infinito, che è Amore. Solo l’Amore vi immerge nell’Amore!

Potete studiare quanto volete; prepararvi divise ed equipaggiamenti, ma tutto ciò che vi occorre è solo Puro Amore. Quindi , manifestatelo ogni istante, astenendovi dal denigrare; anche nei momenti in cui abitualmente lo fate per abitudine, ad esempio: quando siete in macchina e mandate parolacce ed improperi a coloro che guidano come voi non vorreste, o verso i colleghi che non si comportano come voi vorreste, o tutti gli altri che non rispondono alle vostre aspettative e con cui avete a che fare durante il giorno.

È inutile che meditate e fate tanti esercizi sperando di raggiungere un Paradiso che vedete chissà in quale luogo lontano: il paradiso è in voi, siete voi! Lo raggiungete quando smettete di dividere, criticare, offendere, allontanare il resto del Creato, che sentite diverso e distante da voi, ma che siete ancora voi. Un giorno capirete bene tutto ciò , perché proverete, sperimenterete nuovamente che davvero siete tutti Uno col Tutto che IO SONO.
Quindi, parola d’ordine: “Sempre amore!”

Written by amaeguarisci in: Messaggi ricevuti |
Jan
28
2017
-

MESSAGGIO: COME POTETE PENSARE VI DIA SPENSIERATEZZA, GIOIA, FORZA E SALUTE UN CIBO COSÌ INTRISO DI VIBRAZIONI DI DOLORE?!

popoli uniti
Buongiorno amici, questo il messaggio che ho ricevuto oggi dal Divino Sè.
Tanta gioia e tanto amore a noi tutti!

Le parole che emergono da dentro di voi sono preziose. Dovete sempre più imparare a riconoscere ciò che emerge dalla mente ordinaria e ciò che fluisce, spontaneamente, dalla Divinità in Voi; questa è la voce della Coscienza, è la voce del Comandante della nave, di questa nave che voi chiamate corpo. Sappiate prendervi cura di questa “nave” preziosa per la traversata della vita. Sappiate dare il giusto cibo al corpo; sappiate amarlo e rispettarlo, come un dono meraviglioso che avete ricevuto per fare esperienza su questo pianeta. A volte non ascoltate i segnali che esso vi invia; non lo fate riposare abbastanza, o non lo muovete abbastanza.
Miei Cari, c’è così tanto da imparare su voi stessi! Pensate che sia semplice, che potete mangiare qualunque cosa ritenete commestibile senza avere danni: basta digerire.. . ma digerisce questo cibo anche la vostra anima?
Vi ricordo che spesso mangiate cibo impuro, inquinato, o che deriva da sofferenze atroci che imponete, sia in vita, sia in punto di morte, ai vostri fratelli animali. Come potete pensare vi dia spensieratezza, gioia, forza e salute un cibo così intriso di vibrazioni di dolore?!
Un Giorno davvero non esisteranno più i macelli. Soltanto pochi individui sentiranno, ancora per un po’, la voglia di nutrirsi di cadaveri, ma anche questi finiranno.
La razza umana è passata attraverso tanti cambiamenti. Ciò che in passato vi sembrava normale e giusto, spesso ora vi scandalizza; così succederà anche per la violenza che infliggete per nutrirvi: vi sembrerà una cosà talmente abominevole da non credere che avevate tale abitudine.
Miei Cari Figli, comunque ogni cosa è nella perfezione del fluire, come è perfetto il bruco, come è perfetta la farfalla. Ogni cosa è andata come doveva, affinché voi cresceste in consapevolezza, affinché voi riacquistaste la memoria di voi stessi.
Ora è il tempo del risveglio planetario. Ora il tempo della resa dei conti, dei nodi che vengono al pettine; per slegare, semplificare, correggere e risistemare ogni cosa.
Vedete caos, perché nel cambiamento sempre vige il caos.. .ma è solo apparente. C’è una perfezione che a voi sfugge. Avete una visuale ristretta: vedete solo il pezzetto di cielo che vi permette di vedere la vostra finestra. Un giorno vedrete tutto il cielo, senza limiti, e capirete come tutto è meravigliosamente al suo posto, come in un’orchestra sinfonica, la cui musica è, a volte, un lento, a volte un allegro.
Miei Cari Adorati, Anime Eterne e Sante voi siete! Anche quando, dimentichi di tutto, guerreggiate ancora con altre forme di voi.
Riconciliatevi con voi stessi e vi riconcilierete con tutto il mondo! Gli altri vi mostrano le parti di voi ancora in conflitto, se vedete conflitti fuori di voi. Gli altri Sono solo “ spie”, come le spie della macchina che vi indicano cosa c’è che non va: una portiera aperta, poca benzina, ecc.
Sappiate leggere le “spie”, comprese quelle potenti datevi dalle malattie, e non avrete più bisogno delle medesime prove!
Quand’è che vi decidete ad accettare di voi ogni cosa, consapevoli che voi siete il motore, il Divino Stesso che muove in voi ogni cosa ?
Amatevi, ed amerete; accettatevi, ed accetterete; siate in pace con voi stessi, e lo sarete con tutti!
Meravigliose Anime, vi benedico affinché possiate ricordare al più presto Chi siete!

Written by amaeguarisci in: Messaggi ricevuti |
Jan
26
2017
1

MESSAGGIO: LASCIATE ALLE SPALLE IL PASSATO; SCIOGLIETE TUTTA LA RABBIA , IL RANCORE, ED IL DOLORE CON UN PIANTO D’ AMORE!

index
Carisismi amici, queste sono le parole che sono fluite oggi dalla parte più profonda che è in me, in voi, in tutti.
Tanta gioia ed amore a sciascuno di noi!

Figli Adorati, voi tutti che siete Me nelle miriadi di forme che ho preso, avete smesso di piangervi addosso il giorno che avete riconosciuto la sacra verità che tutta la vostra vita è stata un’orchestra da voi diretta. Siete qui solo per imparare l’Amore, l’Amore Vero, Altruistico, Incondizionato; quell’Amore che ha il potere di smuovere le montagne, di risollevare moribondi e nazioni; quel potere immenso che nessuna arma, nessuna bomba può eguagliare.
Mai otterrete pace dalla violenza che sopprime i moti ed il respiro dei popoli! Avete sbagliato gioco, ovvero: avete protratto troppo questo gioco della guerra; era solo per provare cosa succede, cosa si prova, che strascichi lascia nei cuori , nei corpi e nelle coscienza. Ma voi siete rimasti in questa specie di faida, dove il più forte in armi soggioga il meno forte, dove il prepotente viene visto come un vittorioso eroe, e l’umile pacifico viene definito codardo.
Sappiate Miei Cari, che in questo millennio tutto cambierà, e tutto sta già cambiando. Molti di voi hanno già riscoperto il potere immenso dell’Amore. Molti si sono risvegliati dal sogno di Maja, l’illusione che vi faceva vedere la separazione, che faceva vedere che c’era un nemico da combattere. Era come pensare , per il braccio, che la gamba sia un nemico da uccidere: quanta stoltezza, quanta ignoranza!
Ora state scoprendo, anche con l’aiuto della scienza, che davvero siete tutti Uno. L’Entanglement, come viene chiamato questo stato, è ciò che lega, ciò che vi fa comprendere che mai vi è stata fra voi separazione. E quanto è matto colui che uccide l’altro o lo uccide psicologicamente: sta ammazzando anche se stesso, sta uccidendo la sua vitalità, la sua gioia, la sua potenza! Perché non potete star bene se quello che chiamate “altro” sta male, come non sta bene nessuna cellula di un corpo, se uno dei suoi organi è ammalato.
Allora, Miei Adorati Esploratori della materi a densa, ritornate ad esplorare le profondità infinite, le altezze infinite della vostra anima! Tornate ad immergervi in queste acque di saggezza, pace, calma, benessere e Puro Amore, ogni volta che potete!
Fate tutto , ogni lavoro, con attenzione e maestria, ma col pensiero rivolto a Dio, a quel Dio che siete e che tutto è. Questo significa santificare ogni vostra azione . Dal pensiero nascono i sentimenti e da questi, le azioni; ecco perché il pensiero costantemente rivolto a Dio, non può che produrre azioni sante, degne della vostra intrinseca ed innata Santità.
Non credete a coloro che vi giudicano peccatori indegni: siete tutti Anime Eterne, Sante e Divine, che hanno deciso di sperimentare la separazione dalla Fonte, proprio scendendo in terza dimensione.
Sì, vi eravate dimenticati chi siete, avete fatto errori, ciò che definite peccati e ciò vi ha procurato reazioni dolorose. Il vostro karma vi segue di vita in vita; o lo trascendete con la Grazia conquistata dal risveglio dell’amore Puro ed Indiscriminato, o lo dovete vivere: “Occhio per occhio, dente per dente”, questo il significato di queste parole di Gesù.
Volete finalmente respirare aria pura, Amore puro, gioia pura? Rinunciate all’orgoglio; alla voglia del vostro ego potenziato di aver ragione, di farla pagare, di vendicarsi, di far del male!
Miei Adorati, se state vivendo situazioni difficili con i vostri familiari, amici , colleghi , con i vostri simili, sappiate che almeno una parte di colpa è vostra. Non avete abbandonato la voglia di combattere e primeggiare, non avete abbandonato l’orgoglio che vi fa credere che voi meritate solo cose splendide, ma che voi stessi, spesso, non siete i primi a dare. Allora, Stop alle dinamiche distorte del passato che vi procurano solo dispiaceri! Andate da coloro che definite nemici; sorridete loro, guardateli ed abbracciateli con tanto Amore! Loro hanno fatto del loro meglio, come voi, quando eravate in preda alle spire velenose dell’ego . Lasciate alle spalle il passato; sciogliete tutta la rabbia , il rancore, ed il dolore con un pianto d’ amore! Riconciliatevi e, se è necessario, chiedete scusa per non essere riusciti, in passato, a far di meglio. Raccontate alle persone con le quali è giusto ritrovare l’armonia, che ora avete capito che tutto alle spalle dovete lasciarvi; che avete fatto, anche sbagliando, ciò che siete riusciti a fare e vedere in quel momento, ma che ora la vostra vera “vista” è tornata, e che volete abbracciare tutto il mondo!
Solo così potete cacciare la miseria affettiva dalle vostre vite. Solo così imparerete che chi vince con l’orgoglio, perde in pace e gioia di vivere. In verità, chi vince con l’Amore travolge ogni ostacolo, fosse anche una forte diga, perché il flusso della vita gioiosa riprenda a scorrere in pienezza. Non avete nulla da perdere o da temere facendo tutto ciò, ma solo tanto benessere e pace da riconquistare.
Miei Adorati, voi mi chiamate Padre o Madre, ma Io , ricordatelo, sono Voi!
Vi benedico, affinché possiate, come un cavallo libero e felice, cavalcare nei verdi prati della gioia, dell’amore, della VERA VITA!

Written by amaeguarisci in: Messaggi ricevuti |
Jan
23
2017
-

MESSAGGIO: LA GIOIA CHE DERIVA DALLA GRATITUDINE

images-147
Carissimi amici, condivido con voi, che siete me stessa in altre forme, il messaggio che ho ricevuto oggi dal Divino Sè. Che possiamo essere sempre nella gioia che deriva dal contatto con il Divino in noi!

Carissimi , molte persone sono nella sofferenza, nella dura prova che la vita offre loro. C’è, quindi, tanta tristezza nell’aria; e voi che fate? Unite a così tanta tristezza altra tristezza. Il mondo ha bisogno di amore, gioia e pace; perché, Miei Cari, non offrite queste cose al mondo?
Offrite la gioia che scaturisce dalla gratitudine di essere vivi, di poter parlare, camminare, mangiare, sperimentare. Offrite al mondo la gioia che scaturisce dalla gratitudine per il fatto di avere un tetto sotto il quale dormire, per il fatto che avete cibo, avete qualcuno che vi ama, avete qualcosa… avete la vita ancora da svolgere, da sperimentare!
Siate felici e grati per ogni piccola cosa che avete, perché non è scontato che dobbiate averla; perché in mezzo a tanta tristezza ed indigenza, molti di voi riescono a vivere una vita onorevole, degna di essere chiamata tale, degna per un essere umano. Allora, Miei cari, anche se vi bombardano di brutte notizie e di tragedie, siate felici per tutti quelli che hanno la possibilità di vivere in dignità; siate grati e felici per quelli a cui non manca niente. Siate in quella felicità che non ha bisogno di dipendere da un fattore esterno per esistere, ma che ha bisogno soltanto di fluire spontaneamente dal vostro Centro Divino. Lasciate scorrere questa Luce, che è Amore, che è Gioia, che è Pace… e riempite l’etere con questa Luce. Spargete nell’aria tutto il vostro Tesoro Interiore: solo così potete aiutare il mondo!
La tristezza non ha bisogno di essere alimentata da altra tristezza. Non perché gli altri sono tristi, dovete sentirvi nella necessità di esserlo anche voi. Il fuoco va spento con l’acqua. Spegnete il fuoco del dolore con l’acqua della pacatezza e della gioia che naturalmente sgorga da ogni cuore in collegamento col Divino Sé.
Non sentitevi in colpa se in mezzo a tanta tristezza riuscite a mantenervi felici; è questo il solo aiuto che potete dare al mondo per equilibrare le forze, le energie pesanti , grevi e scure che trascinano l’umanità nello sconforto, nella rabbia e nella depressione.
Siate felici, non per ciò che avete e che avevate desiderato di avere, ma per il solo fatto di Essere! E poi, lasciatemelo dire, la maggior parte di voi ha molte più cose di quelle che gli servono, eppure molti si sentono poveri e si lamentano. Questa è ingratitudine! La vita toglie a chi non la sa apprezzare. Il vostro pensiero di limitazione e di mancanza, vi porta ad avere sempre meno, perché siete voi che vi create il vostro mondo.
Purtroppo i pensieri inconsci in voi la fanno da padrone e vi boicottano in tanti tentativi di riacquistare la felicità , che ritenete perduta.
Allora, Amori Miei, cercate di vivere attimo per attimo, col sorriso e la gratitudine nel cuore! Ripetete ogni mattina : “ Sono fortunato, e benedetto: sono vivo, posso mangiare, posso camminare, posso vivere!” Fate un elenco di tutte le cose e degli affetti che avete e, per questo, ringraziate sorridendo! Se prendete questa abitudine il vostro futuro prenderà un’altra piega: l’abbondanza e la gioia aumenteranno.
Miei Cari Figli, è giunto il momento di sorridere ogni mattina ringraziando anticipatamente per la bella giornata e le belle opportunità che vi offrirà. Fatelo! Questa è la preghiera più gradita, più potente e che produce i frutti più belli, per voi e per quelli intorno a voi che non riescono a salire sopra le nuvole, e senza la vostra energia ed entusiasmo rimarrebbero sempre nella scura nebbia della depressione.
Aiutate tutti coloro che sono nella sofferenza; amate e sorridete il più possibile!
Sarete un meraviglioso contagio di bene e d’amore per tutto il mondo.
Vi benedico, perché possiate essere sempre nella gioia che deriva dalla gratitudine!

Written by amaeguarisci in: Messaggi ricevuti |
Jan
19
2017
-

MESSAGGIO: SAPPIATE, CARISSIMI, CHE QUANDO LA VITA VI SCHIACCIA, DOPO VI PORTA PIÙ SU

cuore acqua
Buongiorno a voi!
Come sempre, condivido con voi le parole che emergono dalla parte più profonda di Me.
Vi abbraccio tutti!

Carissimi Internauti, questo è ciò che siete. Voi viaggiate nelle profondità della vostra anima ogni volta che contattate la Mia voce, che è la vostra vera voce.
Siate felici, Miei Cari, in ogni situazione è nascosto un dono. Anche in ciò che vi sembra catastrofico è celata una situazione di dono, magari in embrione, ma che un giorno vedrete chiaramente.
A volte, per cambiare, occorre dare un taglio netto alle vecchie abitudini per un estremo bisogno di affermazione, di manifestazione del vostro Vero Essere; e questo spesso accade con fatti dolorosi e pesanti.
La vita, in questo piano terrestre, é per alcuni una gita; per altri è un vero e proprio esame, continuo e pesante. Ma sappiate cogliere ogni attimo, ogni momento, perché ogni istante è prezioso, ed è una nuova opportunità di manifestare Voi Stessi. Il “vento forte che spira da nord”, toglie la povere che si era depositata sui vostri cuori, e li fa brillare ancora, come all’inizio.
Quando siete scesi eravate nella purezza; sapevate anche che, ridiscendendo in questo piano, vi sareste dimenticati Chi Siete in realtà; sapevate che avreste fatto nuove azioni e nuovi errori, nuove esperienze dolorose; eppure avete detto “ Sì” e siete rinati perché la parte più profonda di voi l’ha voluto. Non è la mente o l’ego a scegliere la vostra nascita qui, ma il vostro Divino Sé, il Dio che tutto muove. Il Comandante ha scelto per voi il luogo, le situazioni familiari adatte, il contesto sociale e politico adatto alle esperienze che avreste dovuto fare e ripercorrere. Tutto è stato scelto in base al vostro karma o alla missione speciale che avete scelto di compiere per amore di tante creature. Non tutti voi siete qui perché legati ad un karma. Molte anime speciali, hanno scelto di esserci , in questo momento difficile e meraviglioso per il Pianeta Terra, proprio per prestare aiuto e sostegno agli altri fratelli ancora addormentati. La gentilezza e la grandezza dell’Amore in voi ha deciso questo. Ma una volta scesi, vi eravate dimenticati, Stelline Mie, che siete qui per brillare! Chi precipita nel fango si sporca, suo malgrado; e voi avete fatto tutto questo come un gioco , una sfida da affrontare. State ripulendo, ora, tutto lo sporco di questa incarnazione, e lo sporco residuo delle altre.
Siete pronti, Miei Cari per la Magnificenza della vostra Vera Natura; non abbiate, quindi, timore!
State attraendo a voi situazioni che vi aiuteranno a sbarazzarvi di tutto ciò che più non vi si addice. Ormai i giochi sono definiti; non manca molto tempo, Tesori Miei! E, lasciatemelo dire, che sono pochi anni, nell’eternità del tempo non tempo?.
State calmi; non ribellatevi con rabbia alla vita! La vita siete voi; voi siete i direttori d’orchestra, con chi prendervela? Più dure sono le prove d’esame e più alto è il titolo raggiunto… e poi sappiate, Carissimi, che quando la vita vi schiaccia, dopo vi porta più su. Avete presente come funziona un trampolino, vero? Prima lo schiacciate in giù, per poi saltare più in alto. Oppure, immaginate chi cammina sempre con pesi alla caviglie: quando se li toglie, vola leggero.
Adorati Figli della Luce, Voi Tutti che siete Me Stesso, ascoltatemi nel silenzio della vostra mente. Prendetevi almeno dieci minuti al giorno per svuotare la mente e ricollegarvi all’Amore profondo che Io Sono.
Sempre Io e Voi siamo Uno. Quando saprete, ricorderete consapevolmente di essere uno col Tutto, allora la vostra vita cambierà, necessariamente, in abitudini, lasciando quelle ormai obsolete per voi. Non potrete più fare certi ragionamenti ed atti dettati dall’ego, dall’orgoglio, dalla vanità; percepirete tutti come parti di voi, e la compassione, l’empatia, la misericordia, l’ accoglienza e l’Amore disinteressato saranno l’espressione vera della vostra anima, in ogni momento della vostra vita. Questo è il premio, il risultato che vi eravate prefissi di raggiungere. Ed Io scendo, di era in era, in un corpo che diventa a voi caro, proprio per ricordare a ciascuno di voi che siete Me, nient’altro che Me. Dovete scrollarvi di dosso i dogmi e quelle ideologie limitanti delle vostre religioni, se volete riappropriarvi della consapevolezza che non c’è separazione fra Me e voi, fra Quello che chiamate Dio, l’Oceano, e le Sue innumerevoli gocce, che sono i jivatma.
Le prove sono solo sveglie per ricordarvi a che punto siete rimasti, per ricordarvi Chi siete: L’immensità in un punto, il Macro nel Micro , come il Micro nel Macro.
Alzatevi dalle buche e dal fango nel quale siete caduti arrivando qui! Ergetevi come il fiore di loto, che mai si fa sporcare, pur avendo le proprie radici nel fango!
Siate splendenti e puri come in realtà siete, consapevolmente, sempre!

Written by amaeguarisci in: Messaggi ricevuti |
Jan
17
2017
-

MESSAGGIO: LA COMPETITIVITÀ È DIVENTATA UN VALORE PER VOI, QUANDO INVECE NASCONDE LE VOSTRE DEBOLEZZE.

49277163-autumn-childhood-leisure-and-people-concept--group-of-happy-little-kids-playing-tag-game-and-running
Buongiorno a tutti! Anche oggi condivido il messaggio che ho appena ricevuto.
Vi abbraccio, sempre!

Carissimi,
avete perso il valore di voi; per questo vi cimentate in lotte di potere, in lotte di supremazia, lotte per dimostrare di aver ragione, per dimostrare che valete quanto gli altri, o più degli altri.
La competitività è diventata un valore per voi, quando invece nasconde le vostre debolezze. Vi volete dimostrare forti proprio per nascondere la vostra scarsa autostima, la scarsa considerazione che avete di voi stessi.
Invidia, gelosia, voglia di primeggiare, sono tutte espressioni di debolezza. La persona più sicura di sé, più libera e più forte, è anche la più umile: nulla ha da dimostrare agli altri, perché è in contatto con se stessa e quel contatto le svela la Meraviglia e la Grandezza di se stessa. Non ha bisogno, una tale persona, di vedere rispecchiato negli altri il proprio valore; non ha paura di sembrare di meno, di fronte ad un’altra persona davvero meritevole di stima e non ha bisogno di schiacciare e sminuire per sembrare, al suo confronto, più alta.
Care Espressioni Viventi di Me , avete tutto dentro di voi, ed invece credete che “ l’Erba del vicino “ sia sempre più verde della vostra; allora vi stancate a seminare e riseminare erba, affinché il vostro prato appaia verdissimo, il migliore del quartiere.
L’invidia è davvero una qualità infima: vi toglie energia, vi allontana dagli amici, dalle persone meritevoli del vostro amore. Chi non sopporta il bene, il benessere e l’amore negli altri, ha bisogno di ritrovare in se stesso queste qualità; e queste qualità le avete tutti, Miei Adorati, ma proprio tutti! … a volte sepolte sotto strati di polvere e fango, ma ci sono.
Allora, decidetevi a disseppellire i vostri tesori interiori! Decidetevi a voler brillare di luce propria… la vostra Luce Innata, che tutti avete; la Luce del vostro Divino Sé, che Io Sono.
Amatevi, perché non potrete amare gli altri se non riconoscerete prima in voi le Qualità Divine ch e albergano in tutti.
Amatevi come Incarnazioni del Divino Spirito, non come l’uomo più bello, più bravo, più capace, più intelligente e furbo. La furbizia, che voi decantate come virtù, in realtà non lo è, perché voi la utilizzate per primeggiare, soggiogare e scippare ad altri beni ed energie.
Meglio essere umili e apparentemente stolti e poco intelligenti, che utilizzare l’intelligenza per mettersi su un piedistallo e soggiogare.
Il più intelligente è colui che, in contatto con La Fonte Divina, vede se stesso in tutti, per questo tutti ama e rispetta, senza giudicare, senza scartare, senza dividere, senza condannare.
L’intelligenza sgorga spontaneamente da voi; è un Tesoro Innato, è in ogni vostra cellula. Tutto ha intelligenza. Non chi ha più studiato, chi più è stato indottrinato, possa essere ritenuto più intelligente. L’intelligenza è sinonimo di bontà, di solidarietà, di empatia, di sentirsi un tutt’uno col Tutto. L’intelligenza è sinonimo di elasticità. Non sgorga dalla mente razionale, ma sgorga come naturale espressione della Divinità in voi.
C’è chi ha represso ed inibito questa intelligenza con rigide convinzioni, con ideologie inculcate, con talenti repressi.
Allora, Miei Adorati Figli, siate liberi di esprimervi nelle vostre qualità, nelle vostre attitudini e nei moti della vostra anima! Esprimetevi; lanciate al mondo le pietre preziose che giacciono dentro di voi, ancora inutilizzate!
Siate felici di essere voi stessi, unici ed insostituibili nel mosaico creato da Dio; perché chi veramente sa, sa che non c’è un “due”, non esiste un “altro”, ma il Tutto che si è diviso in forme diverse e preziose. La stessa Energia Divina che ha creato tutto, scorre in ogni corpo, lo forma e lo distrugge.
Non giudicate le persone dalle apparenze. Le maschere sono ovunque, anche ben dipinte, ma il cuore è sotto ogni maschera, ed è molto più bello di qualsiasi splendida maschera!
Amate il Cuore, che brilla sempre di luce propria, che è il vostro Tesoro, il Tesoro di tutti!|

Written by amaeguarisci in: Messaggi ricevuti |
Jan
13
2017
-

LIBRO : MESSAGGI DAL DIVINO SE’ – SCARICABILE GRATUITAMENTE

20170106_135001 (1)
Carissimi amici,
questo sito internet è nato nel 2014; l’ho chiamato “Ama e guarisci” perché la medicina universale di ogni male è proprio l’Amore: verso noi stessi, verso ogni creatura, verso ogni manifestazione di Dio.

Da allora ho scritto molti articoli che riguardano la spiritualità e la salute e che nascono dalla mia esperienza di vita e dagli insegnamenti ricevuti dal mio Adorato Maestro Spirituale: Bhagavan Sri Sathya Sai Baba. Egli mi ha restituito alla la vita , fisica e spirituale, dopo una lunga malattia. Con gli insegnamenti del Maestro ed il Suo Infinito Amore, ho potuto uscire dalle sabbie mobili che mi tenevano imprigionata in una situazione di difficile sopravvivenza. Sono infinitamente grata all’Avatar della nostra era! Sono infinitamente innamorata del Suo Amore!

Nel luglio 1998 ebbi con Sai Baba un colloquio privato; in quell’occasione Egli mi diede un compito. Con il braccio teso, il dito indice puntato verso di me ed una voce imperativa, il Maestro mi disse: “ Sei una scrittrice!”
Da allora non ho mai smesso di scrivere, anche perché mi viene molto spontaneo e naturale, fin da quando ero bambina e riempivo tanti fogli con le mie poesie.

Ho pubblicato due libri: “Il mio risveglio – Una storia vera con Sai Baba” (Edizioni Montedit), che racconta la mia esperienza di vita e l’incontro con il Maestro di Verità; e “Il Piccolo Sai Baba”, che parla dell’infanzia e della giovinezza dell’Avatar (Mother Sai Publications).
Vi ricordo che potete scaricare gratuitamente anche il primo libro (Il Mio Risveglio – Una storia Vera con Sai Baba), digitando su google: “amaeguarisci potete scaricare gratis il mio libro”. Non si può fare la stessa cosa con il libro “Il Piccolo Sai Baba”, perché ho lasciato i diritti d’autore alla Casa Editrice.

Ho condiviso tutti gli articoli pubblicati su questo sito, anche sulla pagina facebook che ha lo stesso nome.

A Gennaio del 2016 successe una cosa per me insolita: mentre stavo componendo un articolo, incominciai a scrivere con una velocità incredibile e su un argomento diverso da quello che avevo scelto. Sentivo emergere parole che giungevano alla mia coscienza con una fluidità sorprendente. Non era, non poteva essere la mia mente ordinaria a dettarmi quelle parole; non le sceglievo, non le correggevo, cancellavo od aggiungevo. Le parole arrivavano velocissime, da una Parte Profonda di me; alla fine correggevo solo gli errori ortografici o di battitura.

Iniziai così a ricevere molti messaggi. Da Chi? Dal mio Maestro? Da quale parte di me? Dal mio inconscio, dal Superconscio, dal mio Divino Sé?
Secondo la filosofia Adwaita insegnata nei Veda, esiste solo l’Uno che ha preso forme diverse. Sai Baba, infatti, diceva: “Io sono voi, voi siete me. Fra noi non c’è separazione. Io sono il vostro Sé che ha fatto un salto fuori dal vostro cuore, perché voi possiate parlarci”.
Ma Egli ha anche detto: “Io sono Dio. Anche tu sei Dio; la differenza fra me e te, è che Io ne sono completamente consapevole, tu ancora no.”
Ed ecco ancora le Sue parole: “Io non sono Sathya Sai Baba, quello non è che un nome col quale mi designate oggi. Io sono quell’unico Dio che risponde alle preghiere che scaturiscono dal cuore umano, in ogni lingua, da tutte le terre, qualunque sia la forma della Divinità invocata.”
“Io appartengo a tutti coloro che hanno bisogno di Me. Io sono Rama, Io sono Krisna e i miei fedeli sono in diverse parti del mondo. I popoli mi pregano in diverse lingue. Io sono venuto per tutti: santi e peccatori, ricchi e poveri, ignoranti e saggi.”
“Lo stesso Principio Divino che i ricercatori si sforzano di visualizzare in anni ed anni di ascetismo e di rinuncia è davanti a voi, qui ed ora. Rendetevi conto della buona sorte che avete avuto.”

Da chi, quindi, arrivano questi messaggi? Dal mio Divino Sé, che è Sai Baba, che è Krisna, che è Gesù, che è Rama, che è tutti i nomi…che è il Tutto. Chiamo, quindi, questi messaggi: “ Messaggi dal Divino Sé”; anche perché non voglio che si crei confusione fra le parole che Sai Baba pronunciò con il Suo corpo fisico, quando camminava fra noi e conversava con noi, con quelle che ispira, come voce interiore, a molti devoti in tutto il mondo.

In questo libro ho raggruppato tutti i messaggi che ho ricevuto, in questo modo, durante l’anno 2016.
Potete leggere i nuovi messaggi sempre su questo sito.

Che l’Amore, la Luce e la Gioia colmino sempre i nostri cuori!
Siete sempre nel mio abbraccio!

Potete scaricare il libro cliccando qui sotto.

MESSAGGI DAL DIVINO SE’

Written by amaeguarisci in: Articoli |
Jan
12
2017
-

SUPERARE LA SOFFERENZA

AQUILA NEL CIELO BLU
Cari amici, oggi condivido con voi alcune riflessioni sulla sofferenza.
Certamente il dolore è una scuola per noi; la voglia di superarlo ci mette in condizioni di fare autoanalisi, di risvegliare la discriminazione e l’intelligenza per trovare una via d’uscita al dolore. Yogananda diceva : “Una vita senza problemi è una vita inutile”, proprio perché i problemi sono la molla che ci spingono a migliorare, a ritrovare all’interno il contatto col nostro Divino Sé. Questo succede quando la soglia della sofferenza è diventata troppo alta, allora scatta in noi un ricordo atavico che ci permette di riscoprire il nostro Tesoro Interiore, al quale attingere per superare le dure prove. Scopriamo , in certi momenti critici, di avere una forza sorprendente, che non immaginavamo di avere. Questo ci dà più fiducia in noi, più autostima; per questo, dopo ogni prova della vita, ci ritroviamo più forti, più saldi, e meno vulnerabili. Ma quante prove dobbiamo prima superare per arrivare a questo livello? E quante ne abbiamo già avute nelle vite passate, o in questa stessa vita? Solo Dio lo sa, ma con i suggerimenti delle Incarnazioni Divine possiamo sicuramente aver meno bisogno di prove per imparare, per ricordare.
Il dolore non va cercato come espiazione dei peccati. Il nostro retaggio religioso ci ha portati a pensare anche questo: “Mi autopunisco da solo per non sentirmi in colpa di ciò che ho fatto di male in passato”.
Molte persone fanno questo a livello inconscio: si sentono indegni peccatori ed allora boicottano tutte le esperienze che possano dare gioia e soddisfazione.
Sai Baba ci diceva: “Il passato è passato, lasciatelo andare!” Egli ci ricordava che noi non siamo ciò che abbiamo fatto, detto e pensato: noi siamo “Essere, Coscienza e Beatitudine”, siamo l’Indivisibile Supremo Assoluto che, nell’oblio di Se Stesso, sperimenta buio e luce , ciò che chiamiamo male e ciò che chiamiamo bene. Quando riscopriamo e ricordiamo la nostra Divinità ed agiamo di conseguenza, non facciamo più gli errori del passato. La stoffa bianca, che rappresenta la nostra coscienza, anche se in passato è stata sporcata, può sempre essere lavata e tornare al suo candore originario: questo è il senso della redenzione; e Sai Baba aggiungeva: “Sentitevi puri, e d agirete con purezza”.
Cari amici, ogni volta che soffriamo , soffre anche il mondo intorno a noi. Siamo tutti radio rice-trasmittenti: sentiamo l’ansia, la paura, la sofferenza, la rabbia, ed anche l’amore la gioia, la gratitudine e la pace di chi ci sta intorno. Ecco perché con certe persone sentiamo benessere, e con altre sentiamo malessere, solo stando loro accanto . E’ quindi un diritto, ma anche un dono per gli altri, riuscire ad uscire al più presto dal pozzo della sofferenza. Con quale “Fune” riusciamo ad uscire dal pozzo? E come fare per evitare , in futuro, la stessa sofferenza?
La sofferenza, se mantenuta in noi, diventa un’entità forte che vuole continuare a vivere, e si alimenta di sempre nuova sofferenza, che attiriamo inconsciamente. Qualcuno può obiettare: “ Ma se sono malato, come posso non essere nella sofferenza?” Amici cari, per esperienza diretta vi posso dire che si può essere felici, pur nella sofferenza fisica, riuscendo ad elevare la coscienza oltre il corpo fisico, non identificandoci con questo. Sai Baba mi ha insegnato molto su questo argomento, sono infinitamente grata a Lui!
Carissimi, vorrei ricordare a noi tutti che c’è un errore basilare che spesso facciamo e che ci procura , inevitabilmente, sofferenza: pensare ed aspettarci che altre persone ci portino la gioia; pensare ed aspettarci che altre persone riempiano i nostri vuoti interiori; pensare che la nostra felicità debba dipendere da qualcun altro o da un evento futuro. Questo modo errato di pensare è lo stesso del neonato che trova nella madre tutto il suo sostentamento, ma ci sono adulti che affettivamente rimangono sempre neonati e non vogliono trovare in se stessi tutto ciò che prima trovavano nella madre.
Cari fratelli, avremo sempre delusioni con questo modo di pensare! Qualunque madre si stanca di allattare una vita intera un adulto neonato! E, se lo facesse, sarebbe un male per se stessa e per colui che non crescerebbe mai.
Tutti i maestri spirituali ci hanno ricordato che la felicità , la Fonte di ogni gioia, è dentro di noi: é solo ricoperta da uno strato di polvere; tocca a noi riportarla alla luce.
Ricordiamoci che tutti noi siamo esseri Divini, scesi in un corpo umano per sperimentare . Ricordiamo a noi stessi che siamo molto più di quello che la società , fatta da coloro che vogliono soggiogarci, ci ha voluto far credere. Ci hanno tenuti chiusi in un recinto di un pollaio, facendoci credere che non potessimo volare. Non è così, miei cari! E sono proprio le batoste, le sfide della vita, i dolori acuti che ci costringono a sbattere forte le ali, finché ci accorgiamo che possiamo elevarci al di sopra del recinto del dolore, che possiamo davvero superarlo ed andare oltre!
Non lasciamoci più ingabbiare da certe istituzioni politiche, economiche e religiose, che possono continuare a vivere solo se siamo addormentati, all’oscuro della nostra Vera Natura. Siamo aquile destinate agli alti cieli, ma ci hanno inculcato , fin da piccoli, che siamo polli da recinto. Non lasciamoci più frenare e limitare: decidiamo di volare alto, di esprimere la nostra Magnificenza!
Quindi, la causa prima del dolore e l’ignoranza di noi stessi; è l’ignorare che ciò che cerchiamo all’esterno è già dentro di noi. E come fare a sperimentare questa verità? La fune che ci tira fuori dal “pozzo” è proprio il ricordarci Chi siamo; e tutte le Incarnazioni Divine sono scese proprio per aiutarci in questo compito.
Rama, Krisna, Budda, Gesù, Sai Baba e tanti altri, sono scesi per insegnare all’umanità come uscire dal “pollaio”, come abbattere muri,come elevarci al disopra delle nuvole nere dei temporali, senza quindi , subirne la furia distruttrice.
Tutti gli esercizi spirituali che tutti gli Avatar, i Mistici ed i Santi ci hanno suggerito servono a togliere quel fitto strato di polvere che ricopre la luce e la voce del Divino Sé in noi. Tutti i suggerimenti, gli insegnamenti etici e metafisici, sono proprio per ricordarci e sperimentare nuovamente che siamo tutti esseri Divini, che siamo tutte forme diverse dell’Unico Dio che si è diviso nei molti. Non abbiamo bisogno di altri uomini, di intermediari, fra Noi e Dio, perché Dio è in ognuno di noi.
Fra tutti gli esercizi spirituali, il Namasmarana (la ripetizione del Nome di Dio) è il più immediato, semplice ed efficace. Sai Baba ci ha sempre suggerito questa pratica, ricordandoci che in questa nostra era il Namasmarana è l’esercizio più semplice per placare la mente, fissandola sulla forma Divina a noi più cara. Pensando sempre a Dio, si risvegliano in noi le qualità Divine che sonnecchiano ancora. Per avere maggiori dettagli e spiegazioni, potete leggere due miei vecchi articoli, sempre su “amaeguarisci”; questi sono i titoli degli articoli: “Sai Baba parla della ripetizione del nome di Dio” , “Il Nome di Dio ci renderà liberi”.
Carissimi, parlare di come uscire dalla sofferenza, non basterebbe un libro intero; per questo vi esorto a voler sinceramente conoscere i suggerimenti di Coloro, gli Avatar, che ci hanno dimostrato di essere liberi dai legacci terreni, e che quindi sono i soli che ci possono aiutare a liberarci anche dal dolore. Amiamo e seguiamo Dio nella forma a noi più cara, finché Quella Forma sarà percepita come noi stessi! Nell’alchimia della devozione, Amante ed Amato diventano Uno. La devozione dilata così tanto il nostro amore da renderlo come un fiume in piena , capace di rimuovere tutti gli ostacoli e superare ogni sofferenza.
Quando Amante ed Amato diventano consapevolmente Uno (anche se sono sempre stati Uno), l’adorazione di una forma Divina non serve più; in quel momento diventeremo consapevoli di aver sempre adorato Noi Stessi, quell’IO SONO che è ovunque, e percepiremo la Voce Divina in noi, forte e chiara.
Abbraccio ognuno tutti voi, che siete forme diverse di me stessa!

Written by amaeguarisci in: Articoli |
Jan
10
2017
-

MESSAGGIO: AVETE UN ANTIDOTO POTENTE PER TUTTE LE MALATTIE

CASCATE NIAGARA
Buongiorno , amici cari!
Condivido con voi il messaggio ricevuto oggi.
Tanta salute ed antusiasmo a noi tutti!

Dal profondo di te Io arrivo a farmi sentire, giungo alla tua coscienza quando la mente svuoti, quando la calma arriva ed il silenzio impera.
Avete paura, Miei Cari, di ammalarvi. Vedete tanti amici lasciare il Pianeta Terra per altre dimensioni e ciò vi addolora.
Chi dovrà restare, resterà ancora qui per il tempo che gli occorre per finire il proprio compito. Chi se ne va, è perché più nulla aveva qui da fare; è perché sta aspettando un nuovo involucro, più adatto per continuare nella strada segnata per lui.
Non ci sono imperfezioni; la vita continua sempre, sia per chi resta qui, in questo sogno terrestre, sia per chi continua in altre dimensioni.
Avete paura di ammalarvi perché la vostra Terra , con i suoi elementi, è tutta inquinata; ma sappiate, Figli Cari, che c’è un modo per restare illesi e protetti: il pensiero costante rivolto a Dio, nella forma a voi più cara; la consapevolezza che quella Santa Forma siete voi stessi. Se non sapete glorificarvi nella vostra forma fisica, se non sapete rendere grazie al Divino in voi, è giusto che lo facciate rivolgendovi a Quella Forma che per voi rappresenta Dio, il Tutto, il Massimo Bene.
Tesori Miei, voi non vi ammalate se sapete reagire nel giusto modo agli avvenimenti. Se mantenete rabbia, odio e rancore, tutto questo avvelena il vostro sangue più delle tossine fisiche derivanti dal cibo sbagliato , dall’acqua o dall’aria inquinate. I sentimenti antivitali intossicano ogni cellula del vostro sangue; creano delle dighe che impediscono all’energia vitale di fluire liberamente; per questo le tossine ristagnano e possono causare diversi disturbi e malattie.
Potete rielaborare ogni lutto, ogni dolore, ogni ingiustizia, ogni senso di vergogna, di indegnità e di rabbia; potete trasformare tutto in Amore. Potete versare su questo fuoco distruttore l’acqua fresca e pura dell’Amore che tutto pulisce, che tutto rinfresca, lenisce, appiana, corregge. Permettete all’Amore in voi di prendere il sopravvento su tutto il resto! E questo, Miei Cari, lo potete fare proprio se vi ricordate costantemente della vostra Innata Divinità. Comportatevi in conseguenza al vostro vero rango Divino!
Dio tutto perdona, tutto lascia andare , tutto accoglie, tutto sostiene. Il Divino in voi tutto unisce, niente scarta, niente maledice. Benedite tutto e tutti! Chiunque incontriate per il vostro commino, beneditelo! Ogni persona è al posto giusto, al momento giusto, e vi fa da specchio. Molti vi aiutano a vedere lati ancora oscuri ed inespressi di voi; vi aiutano a vedere ciò che alla vostra coscienza si nasconde; vi aiutano ad esercitare le virtù dell’accoglienza e della pazienza e della misericordia.
Siate grati alla vita per ogni insegnamento, anche per quelli più dolorosi! Sono questi ultimi che più rimangono chiari alla coscienza; sono questi ultimi che più vi insegnano a districarvi nel groviglio della vita.
Allora, Miei Cari, non temete per la vostra salute! Avete un antidoto potente per tutte le malattie: si chiama Amore Puro. L’Amore Puro è come un fiume in piena che travolge ogni ostacolo che si frappone al suo cammino. Siate fiumi impetuosi d’amore, e cancellerete ogni vostro karma negativo, ogni detrito dell’anima, ogni impurità!
l’avete tutti dentro di voi, questo Amore. Decidetevi a volerlo manifestare in toto; decidetevi a volerlo esprimere sempre, in ogni vostro pensiero, parola ed azione, e diverrete colui che ha la corazza più invincibile verso ogni male!
Credetemi, Figli Miei, mai vi indico strade sbagliate e pericolose per voi! E poi… lasciatemelo dire… siete scesi qui solo per imparare questo tipo di Amore, quello che vi ho insegnato con i numerosi Corpi Divini che hanno albergato la Mia Pura Coscienza.
Non ho altro da dirvi oggi… solo questo, solo questo che vi dico da millenni: imparate ad amare , e così guarirete.
Vi benedico perché siate tutti vittoriosi!

Written by amaeguarisci in: Messaggi ricevuti |

Theme: TheBuckmaker.com Best WordPress Themes