Crea sito
Apr
29
2016
1

MESSAGGIO: IL POTERE DELLA VOSTRA MENTE

images-142
Cari amici, oggi ho ricevuto questo messaggio e , come sempre, lo condivido con voi che leggete.
Vi abbraccio, sempre!

Miei cari figli, sono qui ancora ad aiutarvi a comprendere alcuni concetti che, nonostante vi siano stati insegnati da tutte le Mie Forme Divine che ho assunto di era in era, non riuscite ancora a farli vostri.
Quante volte vi ho parlato del potere immenso della vostra mente?! Sapete che questa è più veloce del vento, è più creativa di qualsiasi altra cosa? Voi avete nel vostro coscio ed inconscio pensieri e modelli che, volontariamente o meno, creano la vostra realtà.
Siete immersi tutti in un mare di onde pensiero , che giocano in continuazione a creare e distruggere. Siete immersi nella più sofisticata rete “internet”: la rete che avete intrecciato voi intorno al mondo, con i pensieri di tutti voi.

Quante volte vi esorto ad avere buoni pensieri, buone parole e buone azioni… ma come potete raggiungere tale risultato se lasciate che i vostri sensi cadono su ciò che di più brutto possa esistere? Voi vi riempite di visioni e racconti di orrore, bassezza e violenza. Sapete cosa è Divino? Ciò che sempre più vi riporta al concetto dell’Uno, mentre è male ( voi dite demoniaco) ciò che divide, ciò che aizza gli uni contro gli altri. Immaginate le cellule del vostro corpo: quando tutte lavorano e cooperano armoniosamente il benessere è assicurato, ma quando alcune cellule fanno la guerra ad altre cellule ( come nel caso delle malattie autoimmuni), allora vi è lo sconquasso generale.

Cos’è, miei cari , che vi porta a sentire un certo piacere nell’ascoltare fatti di cronaca nera e di guerra? E’ solo ed unicamente il vostro ego, che si compiace del fatto che ancora non viviate nella consapevolezza di essere tutti Uno; l’ego se ne compiace perché altrimenti sarebbe arrivato per lui il momento di andarsene, di annichilirsi, di perdere forza. Per questo, Miei Cari, il vostro ego vi boicotta in ogni azione o pensiero che in qualche modo lo farebbe sciogliere, come il ghiaccio al sole.
E’ arrivato il momento di non dare più da mangiare a questa “entità” chiamata ego che finora ha avuto un ruolo ben definito, ma che è diventata così forte e potente da distruggervi l’un l’altro.

Lasciate perdere ogni pensiero, ideologia o corrente filosofica e letteraria che possa in qualche modo rafforzare i vostri sentimenti di separazione ed antagonismo.
A chi volete far la guerra? A voi stessi?…Sì, la fate solo a voi stessi!
Miei cari, basta con questo giochino della separazione, è giunto il momento dell’andare verso l’Uno. Questo è il nome: Universo, verso l’Uno.
E che fate voi? Ancora lottate contro chi cerca di farvi risvegliare, ancora lottate con la voce interiore che vi chiede di lasciar perdere ogni pretesa egoistica, ancora lottate contro ciò che vi porterebbe nella gioia che deriva dall’equanimità e dal distacco.

Vi è piaciuto , finora, il “thriller” che avete messo in scena per sentirvi separati dal resto, ma non sapete quanto ancor più vi piacerà la “commedia” del Ritorno a Casa, del ritorno alla memoria di Chi siete in realtà. Siete solo Me Stesso, innumerevoli amate scintille di Me Stesso.

Amatevi Miei Cari! Iniziate ad amare il Dio che Siete, che dimora nei vostri cuori ed in ogni atomo del vostro corpo. Amate il Dio che muove ogni cosa, che dimora in colui che ritenete nemico, come in colui che ritenete il vostro amico più caro. Quanta illusione, quanta ignoranza ancora alberga in voi!

Chi vi obbliga a farvi domande sulla correttezza del vostro agire è , in realtà, il vostro vero maestro. Vi insegnano molto più coloro che vi mettono alla prova di coloro che sempre vi danno ragione. Avere ragione è per voi una grande conquista? Ogni faccetta del diamante brilla; ognuno ha la propria finestra dalla quale vede il mondo. Il paesaggio che ognuno percepisce attraverso la finestra della propria mente è, per lui, tanto reale quanto il vostro.
Smettetela di desiderare di aver ragione! Siate liberi da aspettative e vincoli! E’ solo il vostro ego che chiede che voi siate al centro dell’Universo, e che tutti vi debbano girare attorno. Ma voi , in realtà siete dappertutto, al centro e alla periferia di ogni cosa.

Lasciate alle spalle la vostra ignoranza. Ripetetevi sempre: “Io sono Dio, non sono diverso da Dio. Io e Lui siamo la stessa cosa”. Fate che rimanga solo: “Io Sono”, quell’Io Sono che tutti percepiscono dentro di sé. Lasciate spazio solo a buoni pensieri , buone parole, e buone azioni: allora i macigni interiori che ancora vi legano al passato, si scioglieranno come neve al sole.

Quante volte vi ho esortato a ripetere il Nome di Dio… in realtà voi diventate ciò su cui la mente sempre si sofferma. Il Nome che per voi evoca Immensità e Amore Infinito è quello adatto a voi.
Condizionate la mente con ciò che è sacro e lasciate stare tutti i programmi dei mass media che in modo subliminale o schietto vi immettono nell’inconscio messaggi antivitali, messaggi di separazione, di godimenti dei soli sensi fisici. Non identificatevi con il corpo! C’è a chi fa piacere che voi mai vi svegliate, perché un gregge di pecore è facilmente manipolabile. Ma voi, Miei Cari, siete aquile destinate agli alti cieli, siete caprioli destinati a saltare liberi nei boschi.

Avete una vostra personalità, adatta al compito che vi è stato affidato in questa vita e avete il giusto equipaggiamento per compierlo. Andate liberi, risvegliatevi dal letargo, non seguite ciò che vi induce alla separazione. Non c’è nulla che non sia voi; non c’è nulla che non sia quell’Io Sono che è in voi.

Lo studio più appropriato che possiate fare è quello della potenzialità della vostra mente. Lì risiede tutto. E sempre ve ne ho parlato nei miei innumerevoli discorsi, nelle parole adeguate all’epoca in cui sono sceso, parole che da sempre vi ho donato come vostro autentico tesoro.
Quando il vostro Sé Divino si fa carne è solo per ricordarvi le istruzioni d’uso di questa meravigliosa macchina chiamata corpo.
Ma voi siete troppo pigri, a volte, per leggere e seguire tali istruzioni. Basterebbe stare nel silenzio, nel contatto interiore col vostro Sé per veder affiorare nella vostra mente le stesse parole che vi ho insegnato dall’esterno, con il corpo fisico che ho assunto. È per i “sordi”, per coloro che non sentono la propria voce interiore che assumo una forma.

Cari Figli Amati, immaginate le cose più belle, immaginate l’armonia fra tutti i popoli, sia della Terra che degli altri mondi! Immaginate il benessere per tutti! Soffermate sempre più i vostri pensieri su ciò che ritenete buono e bello, allora il vostro pensiero collettivo potrà attuare anche nella dimensione fisica ciò che fate come progetto mentale. Siate felici mentre create con i vostri progetti, come lo è un architetto mentre fa un bellissimo disegno. Poi adeguate tutto il vostro essere (anche parole ed azioni )a quella visuale.

Siete spesso marionette che eseguono schemi mentali inconsci che vi portano, a volte, nella strada della sperimentazione del dolore. Certamente anche questa strada ha un senso, perché col dolore comprendete che è una strada sbagliata.

Ascoltate le sensazioni del vostro corpo: se state pensando o state per fare qualcosa che non è adatta alla sacralità della vostra anima, il corpo è a disagio, vi suona un campanello: sappiatelo cogliere e seguire . I segnali arrivano, ma voi spesso non sapete decifrarli.
Ascoltatevi; solo nel silenzio e nella calma riuscirete a farlo, quindi trovate i vostri momenti di connessione.
Forse che un aspirapolvere senza fili può lavorare sempre, senza ricaricarsi? Fate anche voi la vostra ricarica divina, nel silenzio, nella contemplazione, nell’ascolto del vostro respiro, nella ripetizione del nome Divino, nel tipo di sadhana che più vi aggrada. Fate ciò che riesca ad interrompere il normale brusio della mente, quello che vi impedisce di sentire forte e chiara la voce del Vostro Divino Sé che Io Sono.

Ho una sola parola da ricordarvi all’infinito: AMORE!

Written by amaeguarisci in: Messaggi ricevuti |
Apr
26
2016
-

MESSAGGIO: QUANDO SCOPRIRETE DI ESSERE ME…

donna felice e sana
cari amici, oggi ho ricevuto questo messaggio che con tanto amore condivido con voi!
Siete tutti nel mio abbraccio!

Non avete ancora compreso che l’immensità del cielo e di tutte le stelle è dentro di voi. Non c’è nulla che non potete raggiungere, ma voi vi identificate in una misera goccia che presto evaporerà, e non sapete che siete l’Oceano, perché non c’è una goccia separata dalle altre gocce e tutti insieme siete un’unica immensa Entità: siete Me Stesso.

Voi vi sminuite, vi disprezzate. La vostra cultura non vi ha aiutati a comprendere la vostra Magnificenza e ad agire di conseguenza. Se vi sentite piccoli, peccatori e insignificanti, così com’è il vostro pensiero saranno le vostre azioni ed il risultato sarà piccolo ed insignificante. Se vi rendete conto di essere l’Uno, il Grandioso, l’Amore Puro che tutto ha creato, tutto il vostro essere, tutte le vostre parole, pensieri ed azioni, si conformeranno a questa visione reale e tutto ciò che farete, anche i piccoli ed in apparenza insignificanti gesti, saranno in verità grandiosi.

Lasciate perdere tutto il passato, d’ora in poi decidete di non volere più identificarvi con il corpo e le vostre emozioni! Decidete di volere tornare alla consapevolezza del vostro vero Rango Divino, e così la vostra vita sarà santificata, e così la vostra vita santificherà anche quella degli altri, perché sarete un diapason che farà vibrare nelle stesse frequenze chiunque avrà la buona sorte di capitare a voi vicino.

Chiunque incrociate nel vostro cammino, Io che sono il vostro Regale Sé Divino, l’ho messo lì per aiutarvi a sciogliere quei nodi che ancora vi legano all’ illusione di essere separati dal resto. Ogni persona, ogni accadimento è un’opportunità per capire ciò che nell’inconscio avete registrato: un pensiero, magari, non idoneo, un pensiero che vi ostacola, che vi imprigiona. Tutto nella vostra vita serve a far venire allo scoperto ciò che si nasconde e vi limita.

Figli Miei adorati, quando scoprirete di essere Me, la smetterete di farvi la guerra l’uno con l’altro, la smetterete di avercela anche con voi stessi. La vostra sofferenza è la Mia sofferenza, il vostro dolore è il Mio dolore, la vostra gioia, la Mia gioia. Come può una cellula sofferente restare isolata? Tutto il corpo ne risente. Voi tutti siete le Mie cellule.

Smettetela di farvi troppo domande, non riuscirete con la sola mente a trovare tutte le risposte.
Smettetela di cercare di ottenere l’uno dall’altro quello che pensate di avere perso nell’infanzia o nel matrimonio; ve l’ho ripetuto altre volte: non c’è nessuno che vi può soddisfare, nemmeno la Mia Forma, nemmeno tutte le Forme Divine che ho assunto. Solo voi stessi basterete a voi stessi! Quindi amatevi, Miei cari, perché questo è il dono più grande che potete farmi, poiché, in verità, quando vi amate è Me che state amando, e quando amate tutti gli altri è sempre Me che state amando ed è sempre voi stessi che state amando.

Smettetela di vedere negli altri solo il male: il male che vedete è una lente scura che avete messo davanti agli occhi. In verità nel mondo tutto è perfetto; siete voi che non percepite la perfezione, solo perché avete lenti scure e distorte attraverso le quali guardate il mondo.

Amori Miei, quando vi riconoscerete in Me, allora smetterete le vostre preghiere di supplica, ma pregherete solo cantando di gioia; la vostra preghiera sarà solo un inno alla vita, all’amore, alla felicità che va oltre ogni limite apparente.

Avete sempre paura della morte, ma questa mai è esistita. Ogni notte morite, ogni giorno rinascete. E la morte è la stessa cosa: cambiate scena, ma voi siete sempre più desti e vigili, perché ad ogni vita acquisite maggiore ricordo di voi, acquisite più consapevolezza. Alla fine riderete di tutto, consapevoli che avete svolto solo una bella commedia teatrale. A che pro immedesimarsi troppo nelle scene dolorose o felici? Siete sempre e sempre sarete l’Indivisibile Supremo Assoluto che ha voluto sperimentarsi in miriadi di forme, tutte splendide ed uniche. Nessuno è di meno agli occhi di Dio. Io sono l’Oceano e voi le Mie onde, Io sono l’Oceano e amo Me Stesso in ogni Mia onda, in ogni mia goccia.
Questo è il mio gioco, tutto il resto è maya. Non restate intrappolati da maya. Liberi volate nei cieli alti quando vi ricordate Chi siete in realtà. Allora Io vengo a soffiarvi in viso per risvegliare in voi il ricordo.

Amori Miei, che altro dirvi? Se non vi amate ed apprezzate come Incarnazioni del Divino Amore, non riuscirete ad amare Me e tutte le altre Mie forme.
Abbracciatevi in questa Luce Immensa che Io sono!

Written by amaeguarisci in: Messaggi ricevuti |
Apr
23
2016
1

UNA MIA LETTERA PER TE, MIO DOLCE SAI BABA

il mio dipinto di baba ad olio - il primo
Caro Swami, sono già passati cinque anni da quando hai lasciato il Tuo corpo fisico; era il 24.4.2011, ma la Tua Presenza in noi e intorno a noi è sempre percepita. Mai ci fai mancare il Tuo Immenso Amore!

Quanta commozione, quanta gratitudine, quanto amore sento dentro me!
Mai avrei potuto immaginare di sperimentare un amore così immenso, che abbraccia tutti i tipi di amore terreno e va oltre, oltre, oltre… superandoli tutti.
Sei mia Madre, mio Padre, il mio Amico più caro, mio Figlio, mio Marito , mio Fratello, il mio Sé Divino; sei me stessa, sei il mio Dio!

Mio dolce Avatar, ti ho seguito per ere ed ere, ti ho rincorso, ti ho pregato di poter stare al Tuo fianco, e Tu… anche in questa vita mi hai dato questa impareggiabile opportunità. La mia gratitudine non ha limiti, è come il cielo infinito! Solo Tu conosci il mio cuore!
A Te offro tutta me stessa: ogni moto della mia anima, ogni sorriso, ogni pianto di commozione, ogni abbraccio, ogni azione, ogni pensiero, ogni parola, ogni sguardo, ogni respiro; consapevole che sei il mio stesso Sé che aveva fatto un passo fuori dal mio cuore per poterlo meglio ascoltare ed amare.

Ai Tuoi piedi abbiamo capito cos’è il Divino Amore; abbiamo avuto brividi di gioia infinita; abbiamo riassaggiato il Paradiso. Sai che solo gli altri miei fratelli che hanno sperimentato tutto ciò possono capire queste mie parole per Te! E siamo milioni e milioni, cambiati dal Tuo esempio, dalle Tue parole, dalla Tua vibrazione, dal Tuo Infinito ed Irresistibile Amore.
La calamita più potente al mondo sei sempre stato Tu, che sei sceso di era in era con il Tuo Corpo Divino, nel quale hai racchiuso tutta l’Immensità.
Che grande Grazia essere stati Tuoi contemporanei!

Swami, Tu sai qual è la mia preghiera: è racchiusa in questa mia canzone per Te.
Te la ricanto; un giorno spero di registrarla meglio, ma tu ascolta solo il mio cuore!

Swami, ancora Grazie! Grazie! Grazie! Per tutto ciò che hai fatto per tutti noi!

Written by amaeguarisci in: Articoli,canzoni |
Apr
20
2016
-

DAGLI SCRITTI DI SAI BABA: COME TU SENTI COSI’ DIVENTI

download (48)
Cari amici, l’Avatar della nostra era, Sathya Sai Baba, oltre ad innumerevoli discorsi, ci ha lasciati diversi Suoi scritti che venivano pubblicati, a puntate, nella rivista Sanathana Sarathi (l’Eterno auriga).
Questi Suoi scritti sono stati tradotti in italiano e pubblicati da Mother Sai Publications of Italy nella “Collana Vahini”. Il Termine Vahini in sanscrito significa “fiume”, ossia “fiume di riflessioni”.
Quale Grazia, quale ricchezza, avere a disposizione una sacra scrittura non redatta da profeti o scrittori sacri, ma direttamente dal Signore in Persona!
l’Avatar, di era in era, viene a soccorrere l’umanità; avere a disposizione la Sua parola contemporanea, non ancora tagliata o manipolata dalle generazioni future, è un dono inestimabile.
Con infinita gratitudine mi accosto a questi sacri testi e ne faccio tesoro.
Vi lascio alle Sue parole e vi abbraccio tutti!

Studenti, chi condanna se stesso giorno e notte dicendo di essere misero e debole non potrà mai arrivare a nulla. Colui che pensa di essere sfortunato e inferiore, in questo modo diviene sfortunato ed inferiore. Se voi invece coltivate la consapevolezza di essere una scintilla di Dio, che la vostra realtà è Dio stesso, potete divenire realmente divini ed avere a vostra disposizione tutti i poteri. Yad bhavam tad bhavati : “Come tu senti, così diventi”. Ciò che più importa è quello che senti. E’ questa la base per tutto ciò che siete.
Abbiate fede nell’Atman, nel Sé; è un dovere per l’uomo. Se viene a mancare questo l’uomo si riduce ad un mostro, che sguazza nel vizio e nella malvagità.
I vostri antichi ebbero prosperità, pace e gioia e riuscirono a raggiungere la loro meta solo per mezzo di quella fede. Chi perde la fede è condannato a cadere, perché la fede è come il respiro stesso per la vita. Se viene meno il respiro l’uomo diventa shavam, un cadavere. Con l’alito di quella fede, diventa shivam, divino, identico allo stesso Shiva.
La fiducia nel Sé è l’espressione del Principio di Shiva nell’uomo, e quella fede può dotare l’uomo di ogni tipo di potere, lo può rendere pieno e completo (Purna), L’Atman, infatti, è per sua vera natura autosufficiente e pieno, Non occorre altra disciplina per realizzare tale stato.
Anche la purezza è la nostra natura; l’autosufficienza (paripurnata) è anche propria del Sé. Impurità e insufficienza non sono dell’uomo. Voi studenti non dovete ignorare né dimenticare questo fatto. E’ vera istruzione quella che fa nascere questa fede e infonde in ogni attività la consapevolezza di questa pienezza. Questo è lo scopo essenziale, il nucleo del giusto tipo di educazione.
Sathya Sai Baba
Tratto da: La scienza di Dio (Vidya)
Mother Sai Publications, pagg.143, 144.

Written by amaeguarisci in: Articoli |
Apr
12
2016
1

MESSAGGIO: CONTAGIATEVI CON IL VIRUS PIU’ POTENTE CHE ESISTA: L’AMORE

Portrait of a group of business people laughing against white background
Buongiorno miei cari amici,
oggi condivido con voi questo messaggio che ho ricevuto. Siete tutti nel mio abbraccio!

Ognuno prende nella misura in cui è capace di dare. Nulla potete avere senza prima depositare i vostri tesori in banca. E qual è la banca dell’Universo? L’umanità intera, gli animali, la natura, tutto il Creato. Donate al Creato tutto ciò che siete, tutto ciò che sapete e che avete, donate perché siete venuti per imparare la condivisione, la bellezza di sentirsi uno con il Tutto.
Siete venuti per sperimentare la separazione e fare lo sforzo di superarla. Non vi sto chiedendo di restare poveri e senza nulla, ma di donare tutto ciò che non riuscite nemmeno a consumare, il superfluo, il troppo che spesso accumulate per avidità, ingordigia o paura.
Io provvedo ad ogni Mia creatura; se temete di non avere nulla, di restare senza cibo, significa che non avete raggiunto quel livello di fede e fiducia in Me, quel livello meraviglioso che vi libera da ogni preoccupazione, da ogni pena.
Io sono dentro di voi; sempre provvedo a voi, ma le vostre paure vi impediscono il contatto con Me; e più avete paura e più attirate eventi per i quali provare nuova paura… e così sempre questa si rafforza. Spezzate questo circolo vizioso, è il cane che si morde la coda. Spezzate la paura con la volontà dell’affidamento pieno a Me, con la voglia e la determinazione di uscire da questa gabbia schiavizzante in cui la paura vi ha cacciati.
Figli miei adorati, voi tutti che siete Me Stesso nelle miriadi di forme che ho voluto assumere, è il tempo del risveglio , è la primavera del Pianeta Terra. Non fatevi più rimbambire dalle vecchie congetture, dai vecchi schemi mentali, dai vecchi paradigmi sociali e politici. Seguite il cuore, l’etica che da dentro vi guida. Sappiate che tutto ciò che fate e nuoce alla natura è controproducente per voi e per tutti; non potete far male e pretendere di stare bene. Non potete uccidere milioni e milioni di Miei figli umani ed animali, e pretendere di chiedere a Me la salute! Siete voi che vi rovinate con le vostre stesse azioni, con i vostri pensieri impuri ed egoistici. Non può esserci gioia in chi segue il detto “Mors tua vita mea”.
Tutto dovrete pagare e riscuotere in base a ciò che fate, dite e pensate. Ora è il momento di terminare la farsa, la tragedia, o la commedia. State solo svolgendo una parte per crescere in consapevolezza. Ricordatevi che siete Me Stesso, siete anime eterne ed infinite che hanno deciso di sperimentare la durezza e la bellezza della terza dimensione. Ora dovete elevarvi verso i vostri veri cieli; anche rimanendo qui sulla Terra potete andare oltre, in dimensioni più elevate.
L’anima è infinita e voi siete l’Anima che si è rinchiusa in un corpo. Nulla nasce, nulla muore nel mondo dell’anima; solo gli involucri materiali si trasformano e cambiano. Siete scesi dimenticando, perché fa parte delle regole del gioco dimenticare, ma ora è il tempo della rimembranza. Ora è il tempo di ricordarvi che è tutto un gioco questo passaggio rapido in terza dimensione; questa vita è una parentesi, un sogno; ma tanto vi insegna, tanto potete sperimentare! Nelle gioie e nei dolori, nell’intervallarsi di gioie e dolori, voi imparate l’equanimità ed il distacco, e più sperimentate e meglio imparate.
Restate leggeri figli Miei, non immedesimatevi troppo nella parte, nel gioco. Ricordate a voi stessi ed a tutti la vostra Divinità: non c’è servizio più grande e prezioso di questo! Come pure riuscire a contagiare con l’ amore e la gioia della vostra Natura Divina sempre più anime. Come un effetto domino il risveglio raggiungerà tutto il Pianeta…e voi tanto potete fare, Miei Adorati!
Mi avete pregato in mille forme diverse solo per giungere a capire che avete pregato voi stessi; ma ben vengano quelle forme, se capite che il risultato sarà proprio l’identificazione, il ricordo di essere un tutt’uno con Quella Forma!
Io non voglio che adoriate la Mia forma, che già è svanita. A Me non interessa di essere amato ed adorato in una forma particolare: tutte le forme sono Mie. Certamente non faccio mai distinzioni fra i devoti che mi amano in una Mia forma assunta migliaia di anni fa, o in questa Mia ultima forma; e certamente ancor più amo coloro che da sempre mi vedono in ogni forma dell’universo, in ogni creatura. Questi sono i più saggi, coloro che hanno usato la Forma Divina come un traghetto e sono giunti alla consapevolezza dell’Uno. Ormai, a queste benedette anime, non serve più l’adorazione di una forma, anche se al loro cuore è tanto cara. Sono grate, queste anime, al Traghetto, al Traghettatore; sempre Lo ricordano e Lo ringraziano, nella consapevolezza che è stato uno strumento più veloce per riportarvi alla vostra Consapevolezza Divina.
L’amore genera nuovo amore. Più riuscite a vedermi e percepirmi nella natura, in ogni essere senziente, più avrete svelato il mistero della terza dimensione: avrete stracciato il velo di maya, l’illusione che vi rende sempre addormentati.
Ecco, miei adorati: lanciate al mondo i vostri semi d’amore, dappertutto! Non è più il Tempo di preoccuparvi se quel sentiero, quel terreno è fertile: sarà poi la mia Grazia a renderlo tale. Spargete ovunque, mentre danzate, nei quattro angoli della Terra! Spargete amore, entusiasmo e gioia: la gioia che vi deriva dall’aver scoperto l’arcano, dall’aver tolto il velo; così sempre più anime avranno la vostra stessa opportunità.
Contagiatevi con il virus più benefico e potente che esista: l’Amore Puro che sgorga dalla consapevolezza di non avere separazione, di essere soltanto l’Uno!
Vi abbraccio sempre, vi guido sempre, sono sempre in voi e fuori di voi. Lasciate stare i sensi di colpa che vi inchiodano di più al sogno, alla tristezza. Ricordate sempre: voi siete Me, Io sono Voi… come posso non amarmi?

Written by amaeguarisci in: Messaggi ricevuti |
Apr
08
2016
-

MESSAGGIO: L’AMORE CHE VI HO INSEGNATO

amore-incondizionato
Amici cari, questa mattina ho ricevuto questo messaggio per noi tutti.
Siete sempre nel mio abbraccio!

L’amore che vi ho insegnato è un amore immenso, senza limiti, senza se e senza ma. E’ un amore che scorre come un fiume in piena, travolgendo ogni ostacolo sul suo cammino. Nulla può ostacolare questo tipo d’amore: nessuna delusione, nessuna sconfitta, nessuna catastrofe.
Figli miei adorati, è questo tipo d’ amore a salvarvi da ogni situazione, a farvi tornare a galla, a farvi sperimentare che non c’è nessuna separazione fra voi ed il resto dell’Universo. Siete venuti qui solo ed unicamente per esercitarvi in questo tipo di Amore Divino. Quando l’avrete imparato, non ci sarà più bisogno di questa scuola terrestre, non ci sarà più rinascita in questa dimensione.
Avete sofferto molto, e spesso date la colpa a Me, che sono il vostro stesso Sé; oppure date la colpa a tutto ciò che vi circonda. Il vostro ego, il vostro orgoglio spesso non vi permettono di vedere le dinamiche della vostra mente: vedete ed attribuite agli altri le parti di voi che non vi piacciono, le parti di voi che ancora risuonano di un’emotività accesa. Attirate a voi tutta una serie di esperienze e di persone solo per poter esercitare il vostro Divino Amore.
Ogni volta che odierete, manterrete rancore, vorrete dimenticarvi di voi solo per accusare gli altri, allora lì per voi ci sarà pronta un’altra prova, e poi un’altra ancora; questo proprio perché arriviate a vedere chiaramente il meccanismo autodistruttivo che avete innescato nella vostra mente.
Amate chi non si capisce, amate chi vi critica, amate chi non è in grado di accettare le differenze, le opinioni altrui, i modi di fare degli altri; poiché costoro sono coloro che più di tutti hanno bisogno d’amore. Sono costoro che, non amandosi, avendocela con loro stessi, riversano all’esterno la loro insoddisfazione.
Amate questi Miei figli che vi ho messo sul cammino. Sono stati messi lì proprio per mettervi alla prova, per darvi una grande opportunità: quella di imparare il Vero Amore: quello che va oltre tutto, che non giudica, che ha compassione per le sofferenze fisiche e psicologiche di chiunque non comprenda i meccanismi mentali.
Ogni Mia creatura è degna del massimo amore. Io sono in ogni cosa, Io sono amore, anche quando questo amore è ricoperto da uno strato di ruggine e per questo non sente il mio magnetismo. Come il ferro arrugginito non sente l’attrazione verso la calamita, così le anime che ancora devono purificarsi non sentono l’attrazione verso di Me, che sempre li guido dall’interno; ma la mia voce a loro non giunge chiara: giunge distorta e non riescono a seguirla al meglio. Ogni volta che scivolate nell’errore, la sofferenze che ne segue toglie un po’ di ruggine; ma se continuate ad arrabbiarvi, la ruggine si riforma, con uno strato ancora più spesso.
Amori miei è giunto il momento di lasciar cadere ogni velo illusorio, è giunto il momento di rendervi conto della vostra Vera Natura, che è Amore Puro Incondizionato. Voi siete perdono, misericordia, accettazione, empatia, abbraccio e sorriso. No… non vi sto chiedendo di subire violenze , di subire energie distorcenti che abbassano il vostro livello vibratorio e vi fanno sentire male, vi sto solo insegnando ad andare oltre. Allontanatevi, se ciò serve a farvi star bene, ma amate sempre e comunque ogni mia creatura messa lì, solo per mettervi alla prova,
Io ho amato tutti coloro che mi hanno denigrato e calunniato, come tutti coloro che mi amano d’un amore puro ed infinito. Io non faccio distinzioni, tutti sono parti di Me: come potrei non amarmi?
E’ questo amore che vi ho insegnato col mio esempio, sempre!
Seguite il cuore, riempitelo di compassione e tenerezza, mandate il vostro soffio amorevole a tutti coloro che ne hanno bisogno , a tutti coloro che brancolano nel buio e non trovano una strada per uscire dal proprio tormento.
Inviate luce ed amore ad ogni creatura, soprattutto a coloro che più vi colpiscono, per ignoranza, o per amore distorto verso di voi; ma è pur sempre amore il loro: una forma d’amore ancora da raffinare, che porta tormento perché ancora non è libera da aspettative, e perché ancora è improntata sul senso “dell’io e del mio”.
Amori Miei Adorati, amatevi l’un l’altro come Io vi amo da sempre! Non ci sarà più alcuna sadhana da espletare, alcun esercizio da compiere. Tutto serve per placare la mente ed arrivare al nucleo del vostro cuore colmo d’amore. Una volta che ci sarete arrivati, null’altro vi occorrerà che non essere voi stessi, che non brillare di Luce Divina, di Amore Incondizionato ovunque andrete.
Ecco, questo il Mio messaggio: non c’è nulla superiore all’Amore, all’Amore che sa perdonare, trascendere e trasmutare!
Non serve avere sapienza libresca, la mente super acuta, super specializzata ad analizzare… no, Miei cari, non serve… non è questo che vi sto chiedendo. Non fate delle dispute i vostri esercizi mentali: inasprireste ancor più il vostro cuore, innalzereste ancor più l’ orgoglio, mettendovi da soli il bastone fra le ruote.
Lasciatevi andare all’Amore che tutto abbraccia e tutto accetta, e sarete con me nel Paradiso più alto. Anche qui, in questa terra tormentata dall’odio e dalla lotta, potrete essere sempre nel vostro Paradiso d’Amore quando imparerete a vedermi in ogni Mia creatura, ad onorarmi, rispettarmi ed abbracciarmi in loro.
Vi benedico tutti, augurandovi di dischiudere al più presto le vostre grandi ali piene d’amore: le sole che vi faranno volare!

Written by amaeguarisci in: Messaggi ricevuti |
Apr
05
2016
-

SAI BABA DICE: OGNI INCARNAZIONE DIVINA VIENE PER INSEGNARE L’AMORE

baba_smile
Cari amici, oggi riporto alcune parole dell’Avatar della nostra era. Sempre perle preziose sono le Sue parole.
Vi abbraccio tutti!

“Il motivo per cui un Avatar discende sulla terra, si chiami Rama o Kurma; è l’amore. Ogni Incarnazione Divina viene per insegnare l’Amore agli uomini.
Vi affliggono tanti mali perché siete egoisti e non sapete amare. Abituatevi al sacrificio, imparate ad amare, altrimenti avrete solo guai. Un uomo senza amore è un cadavere che cammina.
La Divinità dell’uomo può emergere solo dal sacrificio. Ricordate che l’amore è la sola ricompensa dell’amore; l’amore è testimone dell’amore. L’amore è un sentimento completo, ampio, espansivo, attivo, senza incertezze, senza egoismi, senza paure: e gli Avatar vengono sulla terra per insegnare agli uomini questo Amore di natura divina.”

“Sviluppate dovunque l’amore per l’uomo, perché questa è anche la mia missione, la mia volontà. Sono venuto per seminare l’amore in ogni cuore umano, il Signore è amore e quest’amore è Dio.
La mia vita è il mio messaggio e il mio messaggio è amore. Ciò spiega perché vi siete raccolti qui a centinaia di migliaia.”

“Se proprio dovete darmi un appellativo, non sbaglierete se mi chiamerete Premasvarupa , la forma incarnata dell’Amore.”

“Riempi ogni tua parola d’amore, riempi ogni tuo gesto d’amore. La parola che esce dalla lingua non deve conficcarsi come un coltello, né trafiggere come una freccia, né colpire come un martello. Dev’essere una fonte di dolce nettare, un consiglio di saggezza vedica che conforta, un morbido sentiero di fiori. Deve donare gioia e pace.”

“Non cercate le colpe negli altri, cercate piuttosto le vostre. Io vi consiglio di imprimere nel cuore queste tre idee:
Non dimenticate Dio.
Non credete nel mondo intorno a voi.
Non temete la morte.
Voi siete lo spirito immortale, che non conosce paura. Io vi ordino di bandire dal cuore due idee:
Dimenticate l’offesa che vi hanno fatto.
Dimenticate il bene che avete fatto agli altri.
Sviluppate l’amore, amate tutte le religioni e tutte le nazioni! Io vi benedico e vi chiedo di promuovere l’amore, la simpatia e la compassione verso tutti gli esseri. Dio è presente in ognuno di loro ed è vostro dovere onorarlo in tutti”.

“Potete spremere olio dalla sabbia o dal ferro, potete far crescere le corna ad una tartaruga o ad un coniglio, ma senza l’adorazione è impossibile raggiungere il supremo amore. Se si ignora questo sommo principio, non è possibile oltrepassare il Samsara, il ciclo di vita e di morte. La traversata dell’oceano dell’esistenza è riservata a coloro che hanno amore, che offrono tutto il proprio amore al Signore e mirano a raggiungere la Sua beatitudine”.

Cari amici, soffermiamoci su queste ultime parole; perché Sai Baba ci dice questo? Certamente Lui, come Incarnazione totalmente consapevole del Divino, non ha bisogno del nostro amore; ogni sua parola è sempre e solo per il nostro bene. Allora perché ci dice che l’Adorazione di Dio (in qualunque forma a noi cara, come detto tante volte da Lui) ci fa oltrepassare il Samsara, ci porta alla realizzazione del Sé? PERCHÉ NOI DIVENTIAMO COME CIÒ SU CUI LA MENTE SEMPRE SI SOFFERMA. SE CONTINUAMENTE ABBIAMO PENSIERO E SENTIMENTO D’AMORE VERSO LA FORMA DIVINA DEL SIGNORE, L’AMORE INFINITO DEL SIGNORE SI RISVEGLIA IN NOI. Ormai tutti conoscono la legge di attrazione: il pensiero unito al sentimento è potentissimo; se vogliamo il massimo nella nostra vita, puntiamo al massimo: cioè a Dio. Solo il risveglio del Divino Amore in noi rompe ogni “scafandro”, ogni “muro”, ogni “barriera” che ci possa ostacolare nel riappropriarci del nostro vero rango: quello Divino.
Siete tutti nel mio abbraccio!

Written by amaeguarisci in: Articoli |

Theme: TheBuckmaker.com Best WordPress Themes